Svizzera, 07 ottobre 2019

Si candida al parlamento svizzero per dar voce ai... kosovari

"Arber Bullakaj vuole dare una voce ai kosovari in Svizzera" è il titolo di un articolo pubblicato dal Blick in cui si presenta questo 33enne kosovaro naturalizzato e candidato per il Consiglio nazionale nel canton San Gallo.

Il candidato, presentatosi fra le fila del Partito socialista, dice voler "dare voce ai migranti e alle migranti. Quasi un terzo della popolazione in Svizzera è praticamente non rappresentata nel Palazzo federale e questo è molto deplorevole. D'ora in poi avremo la nostra opinione". Arrivato in Svizzera all'età di otto anni, ha chiesto la naturalizzazione all'età di 19 anni, dovendo prendere in prestito 3500 franchi dai suoi genitori per ottenere il suo passaporto. Risiede a Wil, seconda città più popolosa del canton San Gallo e per la sua campagna elettorale sostiene aver speso circa 25'000 franchi.

Se eletto, Bullakaj, che si dice "un rappresentante della nuova Svizzera", intende impegnarsi a fare in modo che le naturalizzazioni siano meno onerose dal punto di vista burocratico e finanziario: "Da un punto di vista democratico", afferma al 'Blick', è preoccupante che la naturalizzazione abbia un costo così grande. Anche i comuni ne traggono profitto. Questo deve cambiare!". Oltre a diminuire i costi della naturalizzazione, Bullakaj vuole anche che gli stranieri possano richiedere il passaporto della croce rossa bianca dopo tre anni, indipendentemente dal fatto che abbiano vissuto o meno nello stesso comune durante questo periodo. Attualmente, devono attendere cinque anni nella stesso domicilio prima di poter presentare domanda di naturalizzazione e, se necessario, di trasferirsi. 

Perchè Ballakaj, che di professione fa il consulente, possa sperare di essere eletto è necessario che i socialisti di San Gallo ottengano un seggio in più, o che sconfigga uno dei uscenti. I sondaggi, secondo il Blic, sarebbero favorevoli ai socialisti in un cantone in cui l'UDC è comunque molto forte, con 5 seggi sui 12 disponibili.

Guarda anche 

Gli svizzeri (e i ticinesi) rimangono a casa? La risposta di Google

Lo scorso venerdì google ha pubblicato i dati sui movimenti dei suoi utenti in 131 paesi. Come si vede nel grafico sotto, in Svizzera i movimento verso il posto la...
05.04.2020
Svizzera

In Kosovo alla pandemia si aggiunge la crisi politica, deposto il primo ministro

Il primo ministro del Kosovo Albin Kurti (nella foto) è stato rimosso dal suo incarico da una mozione di censura presentata dal suo partner di coalizione, la Lega ...
27.03.2020
Mondo

“Non ho più sintomi, eppure il tampone è ancora positivo”. Moglie e figli sono in Svizzera

ROMA (Italia) – Sono passati circa 10 giorni da quando Nicola Porro, noto giornalista italiano, ha annunciato di aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni or...
23.03.2020
Magazine

Arriva l’ufficialità: annullati i nostri Mondiali di hockey!

ZURIGO – Lo si immaginava, lo si supponeva e si attendeva soltanto l’ufficialità che è arrivata in questi minuti: i Mondiali di hockey su ghiacc...
21.03.2020
Sport