Sport, 04 ottobre 2019

Il gol resta un tabù, ma il Lugano in Europa si scopre ancora una squadra

La buona prestazione dei bianconeri contro la Dinamo Kiev ridà fiato a Celestini e ai suoi. La prova del nove però è attesa domenica a Sion

SAN GALLO – Sarà che l’aria europea è più frizzante e il calcio del Lugano si addice di più al contesto internazionale che al nostro campionato, ma ancora una volta l’Europa League ha ridato fiato e forse fiducia al gruppo bianconero, nonostante la vittoria non sia arrivata neanche questa volta. Lo 0-0 maturato ieri a San Gallo contro la Dinamo Kiev, sicuramente la squadra più forte del girone, è stato il frutto di un gran bel gioco, di tante belle verticalizzazioni e giocate interessanti, ma il vero problema di questa squadra riguarda il gol: solo 1 rete nelle ultime 6 partite, 0 in 180’ di Europa League, al netto delle due traverse a colpo sicuro centrate al Kybunpark.

Certamente la cattiva sorte ci ha messo lo zampino, così come è altrettanto vero che Baumann nella fredda serata di San Gallo è stato determinante in più di un’occasione, ma ciò non toglie che se c’era una squadra che ai punti meritava di portare a casa la posta piena, questa era il Lugano. La grinta non è mancata, così come il carattere e la capacità tattica di gestire un possesso palla intelligente per premiare le veloci ripartenze, ma ancora una volta il tabellino finale ha parlato chiaro: 0 gol realizzati. Come diciamo sempre, il bicchiere va guardato mezzo pieno e questa prestazione deve permettere a tutto il gruppo luganese di guardare al futuro con maggior fiducia e convinzione, auspicando di poter ripartire da questo pareggio per rilanciare le quotazioni della squadra e dello stesso Fabio Celestini.

È innegabile che a Losanna e contro lo Xamax il Lugano abbia disputato due partite senza logica e assolutamente fuori da ogni schema logico, due controprestazioni che hanno fatto arrabbiare tutti, ma è altrettanto vero che anche ieri sera i bianconeri si sono creati diverse occasioni, ma in questo periodo Junior, Holender e compagni proprio non riescono a fare centro. Ci sarebbe da preoccuparsi se i ragazzi di Celestini non riuscissero neanche a impensierire il portiere avversario… c’è da insistere e da credere nel lavoro e nelle indicazioni del mister, sempre se dopo Sion sarà ancora lui al timone della squadra.

Guarda anche 

Senza punta… e senza punti: il Lugano dura 45’

SAN GALLO – Un tempo per parte. 3 reti per una squadra, 1 sola per l’altra: di conseguenza, i primi 3 punti della prima giornata del girone di ritorno del cam...
27.01.2020
Sport

Petkovic è da confermare: con lui la Svizzera è cresciuta

Il futuro di Vladimir Petkovic sulla panchina della nostra Nazionale continua ad essere uno dei temi sportivi più caldi di questo inizio anno: la situazione &egrav...
27.01.2020
Sport

Lugano da trincea: un bunker verso i playoff

LUGANO – Battuto il Ginevra, stanato lo Zurigo, incornato lo Zugo: le ultime tre trasferte del Lugano, tutte targate “2020”, hanno mostrato un volto e u...
26.01.2020
Sport

Tredicesima AVS: a Lugano avrebbe potuto essere realtà dal 2009

Sono passati quasi 11 anni dal 10 febbraio 2009. Quella sera, dopo oltre tre ore di dibattito, il triciclo PLR-PPD-PSS in Consiglio comunale di Lugano affossò il M...
25.01.2020
Opinioni