Mondo, 25 settembre 2019

Trump alle Nazione Unite: "Il futuro non appartiene ai globalisti, ma ai patrioti e alle nazioni sovrane e indipendenti"

Nel suo discorso davanti alle Nazioni Unite a New York, Donald Trump ha promosso la sovranità sulla globalizzazione, spingendo i leader mondiali a mettere al primo posto gli interessi del proprio paese.

Allo stesso tempo ha accusato coloro che promuovono l'immigrazione di massa di crudeltà e che non rispettare i confini di una nazione significa attaccare i diritti umani e la dignità umana.

Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York che "il futuro non appartiene ai globalisti, il futuro appartiene ai patrioti. Il futuro appartiene alle nazioni sovrane e indipendenti che proteggono i loro cittadini, rispettano i loro vicini e onorano le differenze che rendono ogni paese speciale e unico".

Ha affermato che gli attuali bassi livelli di disoccupazione negli Stati Uniti sono dovuti al fatto che "siamo concentrati sul potenziamento dei sogni e delle aspirazioni dei nostri cittadini".

E ha continuato criticando le politiche delle frontiere aperte, dicendo che "aiutano le organizzazioni criminali".

Trump ha dichiarato: “Oggi ho un messaggio per quegli attivisti delle frontiere aperte che si nascondono nella retorica della giustizia sociale: le vostre politiche non sono giuste. Le vostre politiche sono crudeli e malvagie. Danno potere alle organizzazioni criminali che predano uomini, donne e bambini innocenti".

Ha continuato: “Avete messo il vostro falso senso di virtù davanti alle vite, al benessere di innumerevoli persone innocenti. Quando minate la sicurezza delle frontiere, minate i diritti umani e la dignità umana".

Il presidente Usa ha in seguito confermato la sua sfida nei confronti della Cina, potenza globale con cui la Casa Bianca ha intrapreso una guerra commerciale senza quartiere. Trump ha parlato di “abusi” da parte della potenza asiatica, ricordando che “in questi anni, questi abusi sono stati tollerati, ignorati, se non incoraggiati”, concludendo con una minaccia: “Per quanto riguarda l’America, quei giorni sono finiti”.

Chiuso il capitolo Cina, l'attuale inquilino della Casa Bianca è tornato a parlare di Iran. Il presidente americano ha ribadito a tutti che “Nessun governo responsabile dovrebbe sostenere la sete di sangue dell’Iran”. Ma a fronte di queste parole dure nei confronti di Teheran, Trump ha anche detto di essere pronto al dialogo.

Il discorso di Trump è disponibile su YouTube, qui in lingua inglese, qui con la traduzione simultanea in italiano.

Guarda anche 

Donald Trump lancia il suo social network, "per resistere ai giganti della Silicon valley"

Donald Trump ha annunciato mercoledì il lancio del suo proprio social network, che si chiamerà "Truth Social". L'ex presidente degli Stati Uni...
21.10.2021
Mondo

Il Patto ONU per la migrazione rimane sospeso per almeno un'altro anno

Il Parlamento ha deciso di non entrare in materia sul patto ONU per la migrazione dell'ONU, almeno per il momento. Martedì, il Consiglio nazionale ha seguito i...
14.09.2021
Svizzera

A New York si parla russo: Rod Laver, Roger e Rafa tirano un sospiro di sollievo

NEW YORK (USA) – Un po’ come è successo a Serena Williams. Sì perché l’americana nel 2015, dopo aver trionfato negli Australian Ope...
13.09.2021
Sport

Migranti dal medio oriente, quattro paesi dell'est europeo chiedono l'intervento dell'ONU

Quattro paesi dell'Unione europea orientale hanno sollecitato lunedì le Nazioni Unite a prendere provvedimenti contro la Bielorussia per aver "incoraggiat...
23.08.2021
Mondo