Svizzera, 16 settembre 2019

Quadri: "Troppe naturalizzazioni facili e mai un ritiro del passaporto"

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri

Ohibò: al jihadista Umit Y., ex impiegato di Argo1, verrà (forse) tolta la cittadinanza svizzera. Nel senso che la Segreteria di stato della migrazione, su proposta del Dipartimento delle istituzioni diretto da Norman Gobbi, ha deciso il ritiro del passaporto rosso al jihadista di origine turca. Che tuttavia potrà adire alle vie ricorsuali … e magari con tanto di avvocato d’ufficio, pagato dal solito sfigato contribuente?

Stiamo scherzando?

La notizia della revoca della cittadinanza elvetica al jihadista di Argo1 è stata venduta come una sorta di azione straordinaria, miracolosa, eccezionale, con tanto di titoloni in prima pagina. Ma stiamo scherzando? La revoca della cittadinanza ad un terrorista naturalizzato, anzi ad ogni e qualsiasi criminale straniero che abbia ottenuto il passaporto elvetico, dovrebbe essere una cosa ovvia. Automatica. Semplice routine. Altro che titoloni in prima pagina!

La vera notizia non è infatti che al terrorista turco diventato svizzero si sia deciso di ritirare il passaporto. La notizia è che si tratta della PRIMA decisione in tal senso che viene presa nel nostro Paese! E questo malgrado tale possibilità esista da decenni. Ammesso poi che la decisione diventi effettiva. Quindi, la vera notizia non è certo una bella notizia.

Naturalizzazioni facili

E’ evidente che per farsi revocare la cittadinanza bisogna prima averla ottenuta. Ovvero, bisogna aver beneficiato di una di quellenaturalizzazioni facili che tanto piacciono alla partitocrazia PLR-PPD-P$$!

Ed il caso del reclutatore turco dell’Isis è solo l’ennesima dimostrazione che le naturalizzazioni facili, a beneficio di persone non integrate, ben lungi dall’essere un’invenzione della Lega populista e razzista come la casta vorrebbe far credere, sono invece una realtà. Ringraziamo la partitocrazia!

Avevamo ragione

Ed il fatto che questo sia il primo caso (!) di revoca della cittadinanza elvetica dimostra, ancora una volta, che la Legaed il Mattino avevano ragione: da un lato ci sono le naturalizzazioni facili; dall’altro, un sistema garantista- buonista-coglionista che rende la revoca del

passaporto rosso praticamente impossibile. Se poi pensiamo che la partitocrazia multikulti, kompagni in primis, non si fa problemi nello strillare che non si può (“sa po’ mia!”) espellere un terrorista islamico se questo sarebbe in pericolo nel paese d’origine, l’urgenza di cambiare registro diventa evidente. E bisogna cambiare in fretta! Perché gli islamisti, grazie alle frontiere spalancate ed all’immigrazioneincontrollata, avanzano.

Avanti con le revoche!

Che al seguace di Al Qaeda che lavorava per Argo1 venga ritirato il passaporto svizzero, e che costui non possa mai più mettere piede nel nostro paese, dovrebbe essere cosa ovvia e scontata. Adesso bisogna far sì che a molti altri delinquenti stranieri naturalizzati venga ritirato il passaporto rosso. E che la cittadinanza elvetica non venga più concessa a stranieri non integrati!

Stop naturalizzazioni facili e avanti con le revoche del passaporto a chi delinque!

Già i legulei politicizzati del Tribunale federale cercano ogni scusa per non espellere i delinquenti stranieri, malgrado la volontà popolare, la Costituzione e la legge a tal proposito parlino chiaro. Figuriamoci allora se il criminale straniero ha addirittura il passaporto svizzero.

E’ chiaro che – specie con i tempi che corrono – la musica deve cambiare. Ma in fretta. In caso contrario, diventeremo il ricettacolo di tutta la foffa del globo.

*Edizione del 15 settembre 2019

Guarda anche 

Politico polacco riceve fattura del telefono salata, ora chiede all'UE di abolire il roaming con la Svizzera

Il roaming, si sa, può portare brutte sorprese a chi viaggia all'estero e non fa attenzione. Lo ha scoperto anche Radoslaw Sikorski, un ex ministro degli ester...
11.11.2019
Svizzera

Ballottaggi per gli Stati: Sorpresa a Vaud, i Verdi tolgono seggio al PS (e a Ada Marra)

Oggi tre cantoni romandi, Ginevra, Vaud e Friborgo, eleggevano i loro rappresentanti al Consiglio degli Stati. Se a Ginevra non ci sono state sorprese, con la Verde Lisa ...
10.11.2019
Svizzera

Un nuovo fenomeno inquieta Berna: gli asilanti della salute

Vengono in Svizzera pur sapendo di non avere alcuna chance di ottenere l’asilo. Ma tanto a loro non interesse ricevere protezione. Il loro obiettivo è farsi ...
10.11.2019
Svizzera

L'aiuto ai clandestini continuerà ad essere un reato

Le persone che aiutano i migranti ad entrare illegalmente nel Paese saranno comunque punite. La commissione competente del Consiglio nazionale ha respinto con 15 voti fav...
09.11.2019
Svizzera