Svizzera, 11 settembre 2019

Chiesa: "Ma non avevamo votato nel nostro Paese per la preferenza indigena?"

Posti di lavoro disponibili in Svizzera pubblicati dalla Confederazione sul portale EURES della mobilità professionale europea. Ma non avevamo votato nel nostro Paese per la preferenza indigena? È quanto chiede il Consigliere nazionale UDC Marco Chiesa tramite un’interrogazione depositata oggi alle Camere Federali.

“L'8.12.17 il Consiglio federale – si legge nel testo – ha deciso le modalità con cui attuare, a livello di ordinanza, l'articolo costituzionale sulla regolazione dell'immigrazione (art. 121a Cost.) e la legge corrispondente. Il 1.07.18 è entrato in vigore l'obbligo di annunciare i posti di lavoro vacanti. Questa applicazione non rispetta la Costituzione svizzera e neppure la volontà popolare di attribuire ai lavoratori residenti la preferenza indigena sul mercato del lavoro. Nelle spiegazioni a disposizione dei datori di lavoro nell'opuscolo "Obbligo di annuncio - quando dovete notificare all'URC i posti vacanti?

“È indicato che i posti vacanti vanno notificati all'URC competente - facilmente e velocemente tramite il portale online lavoro.swiss, per telefono o personalmente. Nella sezione datori di lavoro in effetti si trova la Job-room: notificare un impiego. Una volta specificato il lavoro offerto e tutti i dettagli l'annuncio può essere veicolato tramite delle piattaforme online tra cui incredibilmente quella EURES (https://ec.europa.eu/eures/). La piattaforma EURES non è null'altro che il portale europeo della mobilità professionale”.

E ancora: “Una bella maniera di favorire l'assunzione di personale indigeno. Non è certo facilitando la pubblicazione di posti di lavoro in tutta l'UE che i lavoratori residenti aumenteranno la loro probabilità di essere assunti. E ciò, tra l'altro, in pochi click per di più finanziati dal contribuente svizzero che magari si vedrà sostituito da un lavoratore estero”.

A seguito di quanto sopra ecco le domande: 

• Tutti i posti disponibili nel nostro Paese sono annunciati sul portale europeo della mobilità professionale? Chi se ne occupa?  

• È compito istituzionale della Confederazione pubblicare attivamente i posti di lavoro disponibili nel nostro Paese su portali europei? 

• La Confederazione ritiene corretto mettere in concorrenza i lavoratori indigeni con quelli stranieri favorendoli sui portali di ricerca di lavoro europei?

• Queste pubblicazioni sono rispettose del principio di preferenza indigena iscritto nella nostra Costituzione e voluto da Popolo e Cantoni? 

Guarda anche 

"Staccarsi dall'UE si può, avanti con la Swissexit"

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Dopo lungo tira e molla, l’accordo sulla Brexit è stato sottoscritto. Chiaramente gli eurolecchini britanni...
21.10.2019
Svizzera

Stupra e deruba una donna in stazione, condannato a 9 anni di carcere e espulsione

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un algerino di 20 anni per stupro aggravato e rapina . L'uomo era stato condannato a 9 anni di carcere per uno stup...
21.10.2019
Svizzera

È il Consiglio Nazionale più giovane della storia. Ma la partecipazione al voto...

Quello eletto ieri è il più giovane Consiglio Nazionale di sempre. L’età media dei parlamentari – riferisce l’ATS – per la le...
21.10.2019
Svizzera

Il caso di Luca Mongelli a poche settimane dalla prescrizione

La triste e mai chiarita vicenda di Luca Mongelli sta per giungere alla sua conclusione, perlomeno dal punto di vista legale. Luca, il bambino di 7 anni trovato in fin di...
21.10.2019
Svizzera