Mondo, 09 settembre 2019

Nel Sudafrica arcobaleno di Nelson Mandela gli stranieri vengono cacciati e uccisi

Sono almeno sette i morti, ma potrebbero essere molti di più, vittime di attacchi anti-stranieri nelle città sudafricane di Johannesburg e Pretoria. Le cronache degli ultimi giorni parlano anche di persone bruciate vive, come ha spiegato anche il portavoce della polizia metropolitana di Johannesburg, Wayne Minnaar: “Abbiamo trovato due corpi carbonizzati nel negozio”.

E su Internet circolano video di un'estrema violenza di uomini (si presume stranieri) presi a sassate fino a perdere conoscenza (se non la vita). In un altro video si vede un uomo sdraiato su un altro (si presume straniero) cavargli gli occhi sopra una pozza di sangue mentre i passanti camminano accanto come se niente fosse (entrambi i video sono disponibili su Twitter e possono essere visti cliccando qui e qui ma avvertiamo che si tratta di contenuti estremamente violenti che potrebbero urtare la sensibilità di taluni).

Nel Sudafrica arcobaleno post-apartheid di Nelson Mandela violenze anti-stranieri emergono regolarmente, anche se raramente con tanta intensità. Fattore scatenante questa volta, sarebbe l'omicidio di un tassista a Pretoria da parte di uno spacciatore straniero mentre, per altre fonti, le rivolte sono iniziate dopo che un incendio in un edificio ha ucciso tre residenti.

I disordini arrivano inoltre, come riferisce il portale RT, in un contesto di crescenti tensioni tra autorità e cittadini stranieri a causa degli sforzi diffusi per chiudere le attività illegalmente gestite, inclusi i taxi e i camion commerciali. Attività che spesso sono gestite da stranieri.

La polizia in assetto anti sommossa spara anche proiettili di gomma pur di allontanare bande agguerrite che vanno alla ricerca di cittadini stranieri. Diversi gruppi inneggiano al potere dei neri sudafricani e contro la presenza di altri africani nei propri quartieri. Quando cala la notte nelle periferie delle metropoli sopra citate, inizia l’incubo per molti: c’è chi scappa, c’è chi si barrica in casa e c’è chi manda altrove la propria famiglia.

Guarda anche 

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo

Richiedente l'asilo si masturbava davanti a ragazze sul treno, condannato (con la condizionale)

Si masturbava davanti a donne, anche minorenni, ma nonostante sia reo confesso non dovrà passare un giorno in carcere, né verrà espulso. Tra febbr...
12.10.2020
Svizzera

Milionari nel loro paese ma indigenti e in assistenza in Svizzera, condannati

Sono in possesso di un patrimonio milionario in immobili e conti correnti detenuti in Tunisia o intestati in Svizzera a nome dei propri figli ma nonostante questo sono a ...
07.10.2020
Svizzera