Mondo, 30 agosto 2019

In carcere per aver inscenato una protesta contro l'immigrazione illegale

Il tribunale penale di Gap, in Francia, ha emesso giovedì una condanna a sei mesi di carcere contro tre militanti di Génération Identitaire per aver inscenato nel 2018 un'azione di protesta al confine tra Francia e Italia. Génération Identitaire è un movimento composto da giovani europei identitari che, tra le altre cose, si battono contro l'immigrazione di massa e illegale.

Il movimento è stato inoltre condannato a pagare a una multa di 75'000 euro (circa 81.675 franchi). Nel suo ragionamento, il tribunale ritiene che, "data la natura estremamente grave dei fatti, l'importanza del disturbo per l'ordine pubblico è stata causata non solo durante il periodo in cui sono avvenuti i fatti, ma in modo duraturo nel dipartimento. Data l'importanza dei valori protetti dai reati e dalla storia criminale degli imputati contro di loro è richiesta la prigione".

I tre imputati sono stati perseguiti per "attività esercitate in condizioni che creavano confusione nelle menti del pubblico con l'esercizio di un ufficio pubblico".

Contro i tre membri condannati la corte ha anche pronunciato una multa di 2000 euro oltre che la privazione dei loro diritti civili, civili e familiari per una durata di cinque anni.

La sentenza è stata annunciata dallo stesso presidente del movimento, Damien Rieu, e egli stesso uno dei tre membri condannati. Rieu critica aspramente la decisione del tribunale, sostenendo di aver protestato in modo "simbolico e pacifico".



Il 21 aprile 2018, Génération Identitaire aveva organizzato una vasta operazione al Col de l'Echelle, punto di passaggio per molti migranti nelle Hautes-Alpes. Oltre un centinaio di persone vestite con la stessa giacca blu si sono mobilitate, con due elicotteri, e hanno posto per terra uno striscione gigante recante la scritta in inglese "confine chiuso, non farete dell'Europa la vostra casa. Tornate al vostro paese" (un richiamo a una campagna simile intrapresa dal governo australiano) e costruito un "confine simbolico" costruito nella neve con pezzi di plastica. Nelle settimane seguenti all'azione, attivisti di destra avevano annunciato di voler recarsi al confine per pattugliare e intercettare gli eventuali migranti clandestini che volessero entrare in Francia. Pierre-Vincent Lambert, avvocato degli imputati, ha già annunciato che i suoi clienti avrebbero presentato ricorso contro la decisione.

Guarda anche 

Espulso nel 2015, viene ritrovato a far ritorno a bordo di una nave ONG

Un nigeriano espulso dall'Italia nel 2015 è stato scoperto a bordo della Alan Kurdi, nave di proprietà della ONG Sea Eye, dopo che i migranti a bordo so...
05.11.2019
Mondo

Nelle banlieue parigine arrivano le gare a chi fa più agguati alla Polizia

Un nuovo "gioco" sta spopolando nei quartieri della periferia parigina, le famose banlieu. Tramite social vengono organizzate gare tra bande per stabilire chi m...
04.11.2019
Mondo

Sentenza su Bosia Mirra: arrampicate politiche sui vetri per giungere ad una depenalizzazione dell'immigrazione clandestina

La Lega dei Ticinesi prende atto con sconcerto della sentenza nei confronti dell’ex deputata PS Lisa Bosia Mirra emessa dalla CARP (Corte di appello e di revisione ...
31.10.2019
Ticino

L'ONU trasferisce 154 migranti direttamente per via aerea dall'Etiopia alla Germania

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), un'agenzia ONU che, come lascia intendere il nome, si occupa di migrazione ha organizzato martedì ...
21.10.2019
Mondo