Svizzera, 28 agosto 2019

In piscina in burkini per protestare contro l'islamofobia in Svizzera

Un gruppo di donne appartenenti al Consiglio islamico centrale (CCIS) hanno cercato di introdursi giovedì scorso in una piscina di Balsthal, nel canton Soletta, indossando un costume integrale, anche conosciuto come burkini, comunemente usato da donne musulmane perchè rispetta i precetti islamici. Ma ancora prima di poter entrare nella vasca, come riferiscono i media svizzerotedeschi, il gruppo di donne è stato fermato da una dipendente della struttura che le ha detto che così vestite non potevano fare il bagno. Una di loro ha ignorato l'avvertimento ed è comunque entrata in piscina, con le altre che riprendevano la scena scattando foto e facendo riprese video. I responsabili della piscina hanno quindi richiesto l'intervento della polizia che è presto intervenuta con una pattuglia che ha fatto uscire la bagnante recalcitrante dalla vasca.

Come si è scoperto in seguito, la donna interpellata dalla polizia non è una bagnante qualsiasi, ma un membro del Consiglio islamico centrale della Svizzera (CCIS) che stava effettuando un'azione di
protesta. Sul suo account Twitter, il Consiglio conferma infatti che si tratta di un'azione pianificata per evidenziare un ostacolo a "un diritto fondamentale delle donne musulmane, vale a dire la libertà di coscienza e di credo".



La bagnante in burkini è stata interrogata sul posto dalla polizia, ma non è stata arrestata. "In questo caso abbiamo svolto un ruolo di mediazione", ha dichiarato la portavoce della polizia cantonale di Soletta Astrid Bucher. Tuttavia, è difficile sapere se l'incidente porterà a sanzioni dal punto di vista penale. Il caso non rientra in nessun caso nelle specifiche della polizia cantonale, afferma la portavoce. Da parte sua, il segretario generale della CCIS avverte: "Non accetteremo di pagare una multa".

Contattato, il segreatario comunale di Balstahl non ha voluto esprimersi, spiegando che è stato programmato un incontro del municipio per analizzare in dettaglio il problema.

Guarda anche 

Italia-Svizzera e quella bomba disinnescata vicino allo Stadio Olimpico

ROMA (Italia) – Ieri sera, ahinoi, il campo ha parlato e ha emesso il suo verdetto chiaro ed inequivocabile: l’Italia è troppo forte al momento per que...
17.06.2021
Sport

A lezione di calcio: Svizzera, così si torna a casa

ROMA (Italia) – Un bel colpo d’occhio da parte dei numerosi tifosi svizzeri sugli spalti. L’urlo di Xhaka per caricare i suoi al termine del nostro inno...
17.06.2021
Sport

“Non fasciamoci la testa e guardiamo in avanti”

LUGANO - Un Mondiale che non si è fatto mancare nulla e che alla fine ha premiato una squadra, il Canada, che ha saputo gettare sul ghiaccio una mentalit&agra...
15.06.2021
Sport

La critica di Vladimir Petkovic: “Ci è mancata la cattiveria”

BAKU (Azerbaigian) - In casa rossocrociata non si fanno drammi. In fondo, dicono tutti (o quasi), un pareggio non è da buttare. Semmai si deve riflettere sul ...
13.06.2021
Sport