Svizzera, 28 agosto 2019

In piscina in burkini per protestare contro l'islamofobia in Svizzera

Un gruppo di donne appartenenti al Consiglio islamico centrale (CCIS) hanno cercato di introdursi giovedì scorso in una piscina di Balsthal, nel canton Soletta, indossando un costume integrale, anche conosciuto come burkini, comunemente usato da donne musulmane perchè rispetta i precetti islamici. Ma ancora prima di poter entrare nella vasca, come riferiscono i media svizzerotedeschi, il gruppo di donne è stato fermato da una dipendente della struttura che le ha detto che così vestite non potevano fare il bagno. Una di loro ha ignorato l'avvertimento ed è comunque entrata in piscina, con le altre che riprendevano la scena scattando foto e facendo riprese video. I responsabili della piscina hanno quindi richiesto l'intervento della polizia che è presto intervenuta con una pattuglia che ha fatto uscire la bagnante recalcitrante dalla vasca.

Come si è scoperto in seguito, la donna interpellata dalla polizia non è una bagnante qualsiasi, ma un membro del Consiglio islamico centrale della Svizzera (CCIS) che stava effettuando un'azione di protesta. Sul suo account Twitter, il Consiglio conferma infatti che si tratta di un'azione pianificata per evidenziare un ostacolo a "un diritto fondamentale delle donne musulmane, vale a dire la libertà di coscienza e di credo".



La bagnante in burkini è stata interrogata sul posto dalla polizia, ma non è stata arrestata. "In questo caso abbiamo svolto un ruolo di mediazione", ha dichiarato la portavoce della polizia cantonale di Soletta Astrid Bucher. Tuttavia, è difficile sapere se l'incidente porterà a sanzioni dal punto di vista penale. Il caso non rientra in nessun caso nelle specifiche della polizia cantonale, afferma la portavoce. Da parte sua, il segretario generale della CCIS avverte: "Non accetteremo di pagare una multa".

Contattato, il segreatario comunale di Balstahl non ha voluto esprimersi, spiegando che è stato programmato un incontro del municipio per analizzare in dettaglio il problema.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Asilanti non vengono rinviati in Italia, "il TAF mina l'Accordo di Dublino"

L'UDC ha duramente criticato alcune recenti sentenze del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di richiedenti l'asilo. Con "queste...
09.01.2020
Svizzera

Giovane migrante ritrovata morta nel canton Vaud, arrestato un connazionale

Scomparsa da ormai più di 10 giorni, da venerdì 27 dicembre, la 17enne afgana Sara M. è stata ritrovata morta lunedì scorso a Yverdon, nel can...
08.01.2020
Svizzera

In strada con il coltello al grido di "Allah akbar", la polizia gli spara

Un estremista islamico armato di coltello è stato ferito domenica a Metz, in Francia, secondo quanto riferiscono i media francesi. L'uomo camminava per la stra...
06.01.2020
Mondo