Svizzera, 27 agosto 2019

Burqa, immigrazione, clima: il fitto programma del Parlamento durante la prossima sessione

Sono diversi i temi che terranno occupati il Parlamento durante la sessione parlamentare che avrà inizio il prossimo 9 settembre. Quando mancheranno poche settimane prima delle elezioni federali i deputati sotto la cupola federale dovranno pronunciarsi sulla legge sulla CO2, l'iniziativa di limitazione dell'immigrazione dell'UDC, il porto del Burqa, il congedo di paternità, la nuova legge sul tabacco e i nuovi caccia, per citare solo alcuni degli argomenti che potrebbero essere i temi della campagna e su cui ci si può aspettare un dibattito acceso.

Sono tre iniziative popolari in programma su cui il parlamento dovrà decidere. Il Consiglio nazionale si occuperà dalla prima settimana l'iniziativa "per un ragionevole congedo di paternità" che chiede quattro settimane di congedo per i neopapà. La commissione incaricata ha respito l'iniziativa, ma ha accettato per contro il controprogetto adottato dal Consiglio degli Stati che richiede invece un congedo di due settimane.

Burqa e immigrazione

I deputati del nazionale si dovranno in seguito chinare sull'iniziativa "per un'immigrazione moderata" lanciata dall'UDC anche se è abbastanza scontato che il testo che mira a porre fine alla libera circolazione delle persone venga respinta dai parlamentari.

Il Consiglio degli Stati da parte sua voterà sull'iniziativa per un divieto nazionale del Burqa e su una controproposta del Consiglio federale che propone piuttosto che una persona sia tenuta a mostrare il proprio volto a fini identificativi nei settori dei trasporti, della migrazione e dell'assicurazione sociale. Secondo "LeMatin", è probabile che la camera alta respinga l'iniziativa e accetti invece il controprogetto.

Agli Stati clima, caccia e tabacco

Un'altro tema che probabilmente sarà al centro dell'attenzione sarà quello del clima, con il Consiglio degli Stati che dovrà affrontare la legge sulla CO2, durante l'inizio della terza settimana della sessione. Il dibattito si prospetta acceso e i senatori hanno già programmato una sessione ad oltranza lunedì 23 settembre. A metà dicembre, il Consiglio nazionale aveva seppellito il progetto, costringendo la Camera dei Comuni a ricominciare da capo.

Il Consiglio degli Stati proseguirà con il decreto sull'acquisizione dei nuovi caccia. Il conto è di sei miliardi di franchi. L'approvazione al progetto appare più che probabile, come è quasi scontato il lancio (e la riuscita) del referendum da parte della sinistra su un tema che da ormai decenni accende gli animi a destra come a sinistra.

La controversa legge sul tabacco sarà anche uno dei temi sul programma della Camera dei Cantoni. La sua commissione è più restrittiva rispetto al Consiglio federale. Essa chiede il divieto di pubblicità del tabacco su giornali, riviste e su Internet.

I senatori discuteranno anche delle rendite per i figli dei beneficiari di AI e AVS. A marzo, il Consiglio nazionale aveva deciso di ridurli.

Protezione dati, disoccupazione e libero scambio

Infine il Consiglio degli Stati si occupera della riforma della pubblica amministrazione. Già minacciata da un referendum, essa chiede di limitare il numero di assunzioni. La camera alta discuterà anche della riforma della protezione civile che avrebbe dovuto essere inizialmente collegata alla riforma menzionata prima.

Al Consiglio nazionale, il dibattito sulla nuova legge sulla protezione dei dati sarà teso. In commissione, il testo è stato accettato solo grazie alla voce preponderante del presidente. L'UDC non lavuole mentre la sinistra e i liberali vogliono rimandare la questione in commissione.

Le detrazioni per le spese di custodia dei figli per i genitori che si prendono cura dei propri figli sono anche all'ordine del giorno della Camera del popolo, oltre alla revisione della legge sull'assicurazione di disoccupazione, che mira a rendere più accessibile l'assicurazione in caso di disoccupazione parziale.

Il Nazionale discuterà inoltre dell'accordo di libero scambio tra Svizzera e Indonesia. L'olio di palma è uno dei punti controversi del testo. I deputati affronteranno nuovamente la seconda fase della revisione della legge sulla pianificazione.

Costi sanitari e elezione procuratore generale

In programma anche un credito di un miliardo per la correzione del Rodano nel Vallese come la questione del finanziamento dei costi sanitari e dell'ammissione dei medici.

Per finire, le due Camere insieme eleggeranno il 25 settembre, l'ultimo mercoledì della sessione, il Procuratore Generale della Confederazione. Michael Lauber, che attualmente ricopre questo incarico, si ripresenta per un terzo mandato. La sua rielezione, originariamente prevista per giugno, era stata rinviata a seguito delle indagini sul suo operato.

Guarda anche 

Ursula von der Leyen eletta presidente della commissione UE (per un soffio), "riformeremo Dublino"

Ursula von der Leyen è stata eletta presidente della commissione UE e succederà quindi a Jean Claude Juncker. Ci si aspettava una votazione di misura e cos&...
17.07.2019
Mondo

Il momento della verità per Ursula von der Leyen

Per succedere al lussemburghese Jean-Claude Juncker, Ursula von der Leyen, vicino alla cancelliera tedesca Angela Merkel, dovrà ottenere la maggioranza assoluta ne...
15.07.2019
Mondo

Elezioni UE: Le Pen, Farage, Salvini e Orban con il vento in poppa. Avanzano nazionalisti e ecologisti, giù i centristi pro-UE

I tre giorni delle elezioni del Parlamento europeo si sono conclusi domenica e i risultati mostrano una crescita notevoli dei partiti di destra e euroscettici e delle for...
27.05.2019
Mondo

La prima volta di Censi e Tonini: "Giorno emozionante. Lavoreremo per i ticinesi"

La prima volta non si scorda mai, si dice. Ed è davvero così per Stefano Tonini e Andrea Censi, i deputati leghisti che, dopo la votazione del 7 aprile scor...
02.05.2019
Ticino