Mondo, 26 agosto 2019

La Slovenia costruirà un muro contro i clandestini, "l'immigrazione illegale si sta diffondendo come un virus"

Diventata negli ultimi anni un paese di passaggio dell'immigrazione illegale sulla cosidetta “rotta Balcanica” la Slovenia starebbe preparando la costruzione di una nuova barriera sul confine poiché l'immigrazione clandestina nel paese è diventata un serio problema per la sicurezza pubblica.

Lavori sulla recinzione al confine con la Croazia sono già iniziati lungo il fiume Kolpa, una barriera naturale che separa la Slovenia dal vicino a sud, da dove arriva la quasi totalità dei migranti.

“Il mese scorso il governo sloveno ha firmato un contratto con la società serba Legi-SGS per costruire 40 chilometri di recinzione al confine con la Croazia. Una volta completata quella sezione, la lunghezza totale della recinzione sarà di 219 chilometri e coprirà quasi un terzo del confine sloveno con la Croazia ”, riferisce l'agenzia Reuters.

La nuova recinzione, alta 2,5 metri, completerà le barriere già esistenti costruite nel 2015 durante l'apice della crisi dei migranti.

Irena Likar, portavoce del ministero degli Interni sloveno, ha dichiarato: "La recinzione sarà eretta temporaneamente nelle aree in cui è necessario prevenire attraversamenti illegali del confine di stato e garantire la sicurezza delle
persone e delle loro proprietà".
Nel 2018, lo sloveno ha registrato un aumento del 56% di clandestini e sempre più sloveni pensano che il governo debba fare di più per contrastare il fenomeno.

All'inizio di questa settimana, la televisione slovena Nova24 ha pubblicato un servizio in cui si descriveva la situazione a ridosso del confine. "La migrazione illegale si diffonde nella regione della Gorenjska come un virus" spiegava un commentatore.

"Fino ad ora, siamo stati abituati a ricevere segnalazioni di migranti catturati solo da alcune amministrazioni di polizia, in particolare quelle che coprono il confine meridionale. . . I migranti illegali vengono ora scoperti anche dagli agenti di polizia di Gorenje. "

Il mese scorso, militari sloveni sono state dispiegati nella regione di confine sudoccidentale del paese per sostenere le pattuglie degli agenti di confine, sempre più in difficoltà nel gestire il fenomeno.

Le forze di sicurezza svedesi riferiscono di aver arrestato migranti provenienti principalmente dall'Afghanistan, dal Pakistan, dalla Turchia e dalla Siria - la maggior parte dei quali sta cercando di farsi strada verso i generosi stati assistenziali nel nord dell'Europa, principalmente la Germania e la Svezia.

Guarda anche 

Disputa tra locali e migranti degenera a Calais, 4 feriti

Una disputa tra residenti di Calais, nel nord della Francia, e fra alcuni dei numerosi migranti presenti nella regione è degenerata causando 4 feriti. La vicenda &...
02.01.2022
Mondo

Nel 2022 atteso un netto aumento dei richiedenti l'asilo

Nel 2021 la Svizzera ha registrato circa 14'500 domande d'asilo, stando a Mario Gattiker, capo della Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Una cifra al riba...
01.01.2022
Svizzera

Migranti, domenica vertice a Calais dopo il naufragio nella Manica

La Francia ha invitato i paesi europei vicini alla manica a una riunione domenica, il giorno dopo la morte di 30 migranti nella Manica. Parigi e Londra hanno anche segnal...
26.11.2021
Mondo

Decine di migranti entrano dall'Austria ogni giorno, "praticamente tutti scompaiono nel nulla"

Sempre più migranti arrivano in Svizzera attraverso il confine est e decine di loro vengono fermate poco dopo aver attraversato la frontiera. Mercoledì, ...
17.11.2021
Svizzera