Ticino, 05 agosto 2019

Agente della Polizia cantonale sotto inchiesta

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che, in seguito a una serie di accertamenti amministrativi relativi alla gestione di oggetti sequestrati nell'ambito di inchieste penali, e in particolare di alcune armi, sono state riscontrate delle irregolarità. Situazione che, su segnalazione della stessa Polizia cantonale al Ministero pubblico, ha poi portato all'apertura di un procedimento penale nei confronti di un agente della Polizia cantonale.

L'inchiesta, subito avviata e nelle fasi iniziali, si concentra in particolare sulle ipotesi di reato di appropriazione indebita e sottrazione di cose requisite o sequestrate. Gli accertamenti sono coordinati dal Procuratore generale Andrea Pagani. Parallelamente, il Comando della Polizia cantonale ha già intrapreso i necessari provvedimenti proponendo la sospensione dell'agente all'Autorità di nomina.

Guarda anche 

"Rielezione Cassis è solo la logica del meno peggio"

*Di Lorenzo Quadri   Che la verde-anguria Regula Rytz (verde fuori, rossa dentro), posizionata a sinistra della sinistra, non sia stata eletta in Consiglio ...
11.12.2019
Ticino

Delitto di Caslano, chiesti 16 anni per il nipote che uccise la nonna

16 anni di carcere. È la richiesta che la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo ha chiesto ai danni del 24enne che nel luglio 2018 uccise la nonne a colpi di m...
11.12.2019
Ticino

Cittadini criminalizzati, mentre i veri delinquenti…

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Storica (per chi si accontenta) sentenza del Tram, Tribunale amministrativo cantonale, sul tema &...
11.12.2019
Ticino

Delitto di Caslano, il nipote: "Non volevo ucciderla, ma solo minacciarla"

“Volevo solo minacciarla, non ucciderla”. Si difende così a processo il 24enne che la notte dello scorso 6 2018 uccise la nonna a Caslano con una dozzi...
11.12.2019
Ticino