Opinioni, 31 luglio 2019

LETTERA DEI LETTORI - Ironizzare sulla malattia? La lettera di un padre che ha perso un figlio per un cancro

Ho letto sul portale Tio.ch l’iniziativa di un padre ticinese 44enne che, colpito da un tumore al colon, ha deciso di “trasformare la malattia in una pagina facebook umoristica” con l’intenzione di “guarire con il sorriso”. Obiettivo che gli auguro di raggiungere nel più breve tempo possibile.

Sulla sua pagina facebook, l’uomo – che indica di essere ricoverato al Civico di Lugano - pubblica un diario online, corredato con foto e commenti ironici. Ad esempio sui vicini di letto che “russano come un'armoniosa orchestra” e sul cibo che “non è così male anche perché il cortisone annulla i sapori”.

Ora, ognuno affronta la malattia come meglio gli riesce. Ben capisco la necessità di reagire in modo positivo a diagnosi che spaventano; di fare, insomma, buon viso a cattivo gioco.

Tuttavia, come padre che ha vissuto il dramma di perdere un figlio per un tumore, non nascondo di essere rimasto scioccato da questa spettacolarizzazione della malattia.

Per due terribili anni ho accompagnato mio figlio nelle varie degenze ospedaliere, fino al triste epilogo. Tentare di girare in burla simili situazioni e simili vissuti può forse giovare al morale di qualche paziente; ma fa male, molto male, a tanti altri malati e familiari di persone che stanno lottando per la vita. O che magari, come nel caso di mio figlio, la battaglia per la vita l’hanno purtroppo già persa.

Trovo oltremodo fuori luogo l’iniziativa del portale di Tio di pubblicizzare questa iniziativa. Per me, e sicuramente per tante famiglie, una simile lettura equivale a spargere sale su ferite che sono ancora aperte, e che lo saranno sempre.

E’ davvero troppo chiedere un po’ di sensibilità nei confronti di chi soffre? Oppure, nella società della commercializzazione ad oltranza, tutto è sacrificabile sull’altare di qualche click in più?

A. A.

Guarda anche 

“Lo sport ticinese d’oggi? Dispersione di forze e mezzi”

LUGANO - Mauro Pini da circa un anno si è lanciato in una sfida che lui stesso definisce intrigante: ha assunto la direzione degli impianti di risalita di Air...
03.12.2019
Sport

Espulsa dal Ticino dopo 22 condanne

Durante la sua permanenza in Ticino ha accumulato la bellezza di 22 condanne penali e 41 attestati di carenza beni. Dopo averla ammonita ben sei volte, nel 2016 il Dipart...
26.11.2019
Ticino

Fondazione Umanitaria Arcobaleno: dal Ticino verso il mondo per ridare colore e speranza

La Fondazione Umanitaria Arcobaleno (FUA) con sede a Lugano e presieduta da Siegfried Alberton, opera in India e Nepal e ha come scopo di ridare colore a vite ingrigite d...
18.11.2019
Ticino

Vive con la moglie in Italia ma vuole l'assistenza in Ticino

Sosteneva di essere divorziato, di avere il domicilio in Ticino, di vivere nell’indigenza e quindi di avere diritto all’assistenza sociale. In realtà &...
14.11.2019
Ticino