Mondo, 29 luglio 2019

Turista uccide poliziotto, il caso che ha infiammato l'Italia

Un turista americano avrebbe confessato, secondo i media italiani, l'omicidio di un poliziotto nel centro di Roma, omicidio che ha infiammato la penisola, complici anche le divergenti versioni e ipotesi riportate dai media nelle prime ore. Nella notte tra giovedì a venerdì, Mario Rega Cerciello (nella foto), un poliziotto di 35 anni che era appena tornato dalla luna di miele, è stato ucciso da otto coltellate da un giovane che, insieme a un coetaneo, era stato arrestato per aver rubato un sacco in un quartiere vicino al Vaticano.

I due sono arrestati nel pomeriggio di venerdì: si tratta di due americani di 19 anni, che alloggiavano in un hotel di lusso e avevano acquistato un biglietto aereo per partire la sera stessa. A tarda sera, uno dei due ha confessato di essere l'autore delle pugnalate, riferiscono i media italiani citando fonti di polizia.

Secondo la ricostruzione dei media, la vittima della rapina era uno spacciatore che aveva venduto ai due giovane compresse di aspirina fatte passare come cocaina. Per vendetta, i due americani erano tornati per rubargli lo zaino e avevano poi fissato un appuntamento alle 3 del mattino per restituirlo in cambio di 100 euro.

Lo spacciatore ha denunciato il furto ai gendarmi, che si sono presentati in borghese all'incontro. In quel momento l'arresto si è trasformato in dramma: i due americani sono stati arrestati per omicidio aggravato e tentativo di estorsione, accuse che ora devono essere convalidate da un giudice.

Sul luogo della tragedia, moltissimi hanno portato i fiori per rendere omaggio al poliziotto, che sarà sepolto lunedì nella sua città natale ai piedi del Vesuvio, alla presenza di molti rappresentanti dello stato.

Guarda anche 

Vince 27-0 in campionato: esonerato!

GROSSETO (Italia) – Una vittoria netta, esagerata, rotonda che ha avuto come risultato quello di far perdere il posto in panchina all’allenatore reo di aver t...
18.11.2019
Sport

Italia, "troppi" bambini non cristiani e la scuola annulla la recita di Natale

A scuola ci sono troppi bambini non cristiani e quindi non verrà organizzata alcuna recita di Natale perchè sarebbe "offensivo" nei loro confronti...
18.11.2019
Mondo

"La metà dei migranti malati scappa prima di terminare il trattamento sanitario iniziato", tra questi casi di tubercolosi e hiv

La metà dei migranti che giungono in Italia interrompono il trattamento sanitario iniziato scappando dalla struttura di cui erano ospiti. A riferirlo è il d...
14.11.2019
Mondo

Grande impegno a favore della salvaguardia della viticotura subalpina

La viticultura ha subito nei decenni un’importante trasformazione segnata da una sempre maggiore specializzazione per la produzione di vini di qualità. Le...
05.11.2019
Ticino