Sport, 23 luglio 2019

Perde l’incontro di box e viene operato al cervello: è in coma indotto

Il russo Maxim Dadashev è stato ospedalizzato a Washington

WASHINGTON (USA) – Un vero dramma: il pugile russo Maxim Dadashev si trova in coma farmacologico indotto dopo aver subito un intervento chirurgico al cervello dopo la sconfitta subita sul ring di Washington al cospetto di Subriel Matias, in un incontro valido per le eliminatorie per il titolo IBF Welter Junior.

A interrompere il match all’11° round è stato il suo allenatore che ha deciso di gettare la spugna, vista la situazione di difficoltà: una decisione saggia visto che Dadashev ha iniziato a vomitare prima di arrivare nello spogliatoio per poi lasciare l’arena in barella.

“Un pugno può cambiare la vita di un ragazzo, e non voglio che ciò accada”, ha spiegato proprio l’allenatore
McGirt. “Preferisco che si arrabbino con me per 2-3 giorni dopo una mia decisione, piuttosto che lo siano per una vita intera”.

Stando a Mary IH Cobb, il neochirurgo che ha operato il povero Dadashev,  il ragazzo aveva subito un’emorragia cerebrale alla zona destra, dove mostrava alcuni segni eloquenti con il cuoio capelluto aperto e diversi segni di danni cerebrali. “Gli è stato somministrato un farmaco per ridurre il gonfiore e potrebbe rimanere in ospedale per diversi mesi, ma non ci arrendiamo”, ha dichiarato.

Le notizie che giungono dall’ospedale sono comunque positive. “Spero che Maxim stia bene, è un combattente”, ha detto Matias dopo la sua vittoria.

Guarda anche 

Ordina degli anelli da arrampicatore, ma gli arriva una lettera del tribunale

Alla fine dell'anno scorso, un uomo di 34 anni residente a Arbon (TG) aveva ordinato quattro anelli di metallo dal sito Aliexpress. Gli anelli erano pubblicizzati ...
22.04.2022
Svizzera

Storia di Carlos Monzon pugile e uomo brutale

Come quasi tutte le storie dei grandi pugili del passato, quella di Carlos Monzon è una storia di miseria, abbandono e arretratezza culturale. Nasce a San J...
15.04.2022
Sport

6 anni di carcere ed espulsione per aver fatto esplodere un bancomat

Un uomo accusato di aver fatto saltare un bancomat nel 2019 a Sevelen, nel canton San Gallo, è stato condannato a sei anni e due mesi di carcere. Come riferisce il...
23.12.2021
Svizzera

“Aspetto la mia occasione ma in Ticino non è facile”

LUGANO - Negli ambienti pugilistici svizzeri il 31enne Marius Antonietti (pesi medi) non è molto conosciuto, eppure ha una carriera professionistica – s...
10.05.2021
Sport