Mondo, 22 luglio 2019

Giornalista torna in Somalia per raccontare com'è bello il paese, viene uccisa in un attentato

Hodan Nalayeh (nella foto) era una giornalista somala piuttosto conosciuta nel paese in cui era immigrata, il Canada. Arrivata nel paese nordamericano quando aveva 5 anni era recentemente tornata nel suo paese d'origine, la Somalia, cercando di riportare notizie positive sul paese africano dilaniato da decenni di guerra civile, in modo da “promuovere una narrativa positiva”.

Ma, nonostante le sue speranze e il suo ottimismo, Nalayeh è rimasta lei stessa vittima della violenza che attanaglia il suo paese ed è rimasta uccisa, insieme ad altre 26 persone, in un attentato avvenuto nel suo hotel il 12 luglio scorso.

In un messaggio pubblicato sulla pagina Facebook di Nalayeh, la sua famiglia ha detto che anche suo marito, Farid Jama Suleiman, è stato ucciso nell'attacco. "Hodan lascia alle spalle i suoi due figli", si legge nel messaggio.

"Nalayeh si è dedicata al servizio del popolo somalo riferendo storie positive ed edificanti. La sua missione dedicata era quella di diffondere luce e amore nel mondo somalo attraverso il suo lavoro nel giornalismo. È morta servendo la comunità somala ovunque e facendo ciò che amava di più. Ha portato ispirazione e speranza al popolo somalo attraverso la narrazione. Mancherà profondamente".

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha elogiato Hodon Nalayeh per "ispirare storie somale" e "ampliare le prospettive delle persone e difendere la diversità e l'inclusione".

"La sua perdita è profondamente sentita in Canada e nelle comunità somala e giornalistiche di tutto il mondo", ha detto Trudeau in una nota. "Il Canada condanna fermamente questo odioso attacco e continuerà a collaborare con la Somalia e altri partner internazionali per affrontare le cause profonde del terrorismo e dell'estremismo violento".

Nel 2014, Nalayeh ha fondato Integration TV, il primo programma televisivo in lingua inglese per somali in tutto il mondo, che ha anche ospitato frequentemente.

Nalayeh ha definito il suo progetto "il primo canale televisivo dedicato alla narrativa somala" in un video promozionale su YouTube. Si è concentrata a raccontare storie sulle persone, le attività, la natura, la cucina e la storia della Somalia cercando di dare al paese africano un'immagine di paese prospero e sicuro, nonostante i problemi e le violenze che lo affligono.

Prima del suo lavoro in Somalia, Nalayeh lavorava nel settore dei media canadese. Si è trasferita a Kismayo, dove è avvenuto l'attacco mortale, l'anno scorso.

Il ministro canadese per l'immigrazione, anche lui di origine somala, ha twittato che Nalayeh "era diventato una voce per molti".

"Hodan ha evidenziato le storie positive e i contributi della comunità in Canada", ha detto Ahmed Hussen in un tweet, aggiungendo che "Piangiamo profondamente la sua perdita".

Guarda anche 

Si addormenta in aereo e si ritrova abbandonata e al buio

"Un'esperienza da incubo", quella che ha vissuto Tiffani Adams, una canadese che si è ritrovata da sola, al freddo e al buio, a bordo di un aere...
24.06.2019
Mondo

Maledetti 4 decimi! Un sogno svanito, Super Genoni non basta

KOSICE (Slovacchia) – La storia dello sport è piena di sconfitte o vittorie ribaltate negli ultimi minuti o secondi: lo United nel ’99 vinse una Champi...
24.05.2019
Sport

Duterte minaccia il Canada, "riprendetevi la vostra spazzatura o vi dichiareremo guerra"

Il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte (a sinistra nella foto) ha minacciato il Canada dicendo che se Ottawa non riprenderà tonnellate di spazzatura di sua ...
25.04.2019
Mondo

Bambino viene azzannato da un puma, sua madre lo salva all'ultimo momento

Zack, un bambino canadese di 7 anni (nella foto insieme alla madre) è stato salvato da morte quasi certa grazie al coraggio di sua madre venerdì scorso a La...
04.04.2019
Mondo