Svizzera, 22 luglio 2019

Cade in casa per anziani e muore un mese dopo, sette anni dopo inizia il processo

Ci è voluta molta pazienza per gli eredi di una signora di 85 anni morta alla fine del 2012 in una casa per anziani del canton Vaud. Dopo sette anni di indagini, udienze, appelli e condanne contestate, un processo si aprirà finalmente al Tribunale di Vevey (VD). Molte persone dovranno difendersi dall'accusa di negligenza.

Tutto è cominciato da uno spintone all'uscita dell'ascensore della casa per anziani di cui l'85enne era ospite. L'anziana signora cade malamente, ma nonostante il dolore viene messa a letto e nel suo fascicolo viene scritto nulla. Il giorno seguente, un medico si è recato a visitare la signora, che si lamentava del dolore e si muoveva con difficoltà. Ma nessuno lo aveva avvisato dell'incidente accaduto il giorno precedente.

Le condizioni della signora peggiorano in pochi giorni, con forti dolori allo stomaco, così come nel petto e nelle gambe. Tre giorni dopo la caduta viene ospedalizzata in urgenza, e operata lo stesso giorno per un femore fratturato. Ma la donna non si riprese mai e morì un mese dopo.

Denunce, tra cui una per omicidio colposo, contro il direttore della casa per anziani di cui era ospite la signora, un medico e un'infermiera, sono stati depositati nel 2014. Ma il tribunale cantonale ha chiesto il proseguimento dell'indagine. Un infermiere e un'infermiera sono stati successivamente condannati per negligenza, condanne a cui hanno presentato ricorso lo scorso febbraio.

Infine, a maggio, la Corte cantonale ha osservato che "il team sanitario ha chiaramente sottostimato lo stato di salute della residente". Spetterà quindi alla Corte di Vevey determinare se effettivamente la casa per anziani e il team medico siano venuti meno alle loro responsabilità.

Guarda anche 

Cantiamo Sottovoce, precursore di Internet e YouTube

Superata con slancio la boa del Cinquantesimo, il Gruppo Cantiamo Sottovoce prosegue il suo cammino alla ricerca del piacere di cantare insiem...
18.08.2019
Ticino

Per Cassis la Svizzera non è una priorità: grazie PLR!

“Non mi sentirete mai dire Switzerland first”. Chi ha pronunciato questa frase? Il manager straniero di una multinazionale? Un soldatino o una soldatina del P...
05.08.2019
Svizzera

Cassis: "Da me non sentirete mai dire che la Svizzera viene per prima"

"Da me non sentirete mai dire Switzerland First": lo afferma il consigliere federale Ignazio Cassis in un intervista pubblicata domenica dal SonntagsBlick, seco...
05.08.2019
Svizzera

Il marito della "zingaraccia" che ha minacciato Salvini: "Ho rubato sì, ma agli svizzeri"

"A Salvini andrebbe tirato un proiettile in testa" è il proposito poco amichevole, ripreso da "Il Giornale", di una zingara residente in Italia...
04.08.2019
Mondo