Sport, 18 luglio 2019

“Mi era stato detto che i napotelani erano razzisti, vedo che è vero”: lo sfogo della compagna di Malcuit

Ashley Rose si è sfogata: “Sono stati disgustosi con me da quando sono arrivato”. La società si è scusata a nome della città e dei tifosi: “Siamo mortificati”

NAPOLI (Italia) – Soltanto una settimana fa la FIFA ha deciso di rendere ancora più severe le leggi contro il razzismo negli stadi: pene raddoppiate e partite sospese che si trasformano automaticamente in partite perse a tavolino. Una decisione forte che nelle ultime ore fa letteralmente a cazzotti con quanto avvenuto e messo in evidenza da Ashley Rose, la compagna del giocatore del Napoli Malcuit.

Non ha usato mezzi termini e si è sfogata tramite Instagram: “Da quando sono arrivata, i napoletani sono disgustosi con me! Sono brutta, sono la sorella del mio fidanzato perché ho gli stessi capelli... Ah!!! Ho dimenticato! Devo fare una dieta. Ma ero stata avvertita: non sono bianca e magra, con lunghi capelli lisci - prosegue il messaggio - Ho grandi capelli afro (quando non ho le parrucche), sono nera e con le forme... Non è la 'donna di calciatore' ideale. Mi piacciono le mie forme, amo la mia pelle, amo i miei capelli e quando vedo i commenti sono molto più bella di tutti voi perché ho l'anima più bella. Non sono in una relazione con te, quindi la tua opinione non mi interessa”, ha scritto in una storia.

“Mi è stato detto prima di venire qui che i napoletani avevano la reputazione di essere razzisti, non volevo crederci, ma vedo che è molto vero (non tutti per fortuna). E poi è sempre più facile dietro a un telefono", ha aggiunto in un’altra story del social.

Il Napoli ha subito preso posizione tramite Twitter: “Siamo mortificati, i napoletani non sono razzisti ma ci possono essere degli imbecilli che lo sono. Noi lo condanniamo con fermezza”.

Guarda anche 

Pazzesco Bale: non gioca e si mette a dormire in panchina!

MADRID (Spagna) – Che sia di fatto un separato in casa lo si era capito da mesi, che il suo futuro non sarà più con la maglia del Real addosso anche, ...
12.07.2020
Sport

Paulo Henrique Andrioli: “A Lugano ho lasciato il cuore. Grecia? Passione e ossessione”

È un freddo mattino del 2 febbraio 1992. Stadio di Cornaredo, Lugano ha ripreso da alcuni giorni preparazione la seconda fase del massimo campionato &E...
12.07.2020
Sport

Coronavirus: lo Zurigo fa tremare la Super League. Rischio fallimento?

ZURIGO – Si sta allargando a macchia d’olio la presenza del COVID-19 nel massimo campionato svizzero di calcio – e non solo, visto che anche la Challeng...
12.07.2020
Sport

Trema la Super League: un altro caso di COVID-19 in campo

ZURIGO - Nuovo caso di COVID-19 in Super League, questa volta in casa Zurigo: Mirlind Kryeziu, infatti, è risultato positivo al test. A comunicarlo è stato ...
10.07.2020
Sport