Sport, 16 luglio 2019

Baumann-Rodriguez: il Lugano può davvero sorridere

Il portiere e il centrocampista offensivo nella sfida contro l’Inter hanno mostrato di aver messo da parte i problemi dello scorso anno e di essersi inserito alla grande nell’organico di Celestini

LUGANO – Mancanza di cattiveria, questo ha sottolineato domenica a fine partita Fabio Celestini. Gambe pesanti, ma fiducia in vista di Zurigo: questa è stata la sintesi proposta da Maric dopo la sconfitta incamerata per 1-2 contro l’Inter nella Casinò Lugano Cup. Ma il Lugano può sorridere per alcune cose interessanti viste sul campo da gioco.

Il migliore in campo è stato sicuramente Rodriguez, consacrato anche dall’allenatore al termine della partita. Ottime triangolazioni, belle sovrapposizioni, visione di gioco e ottimi dialoghi ora con Bottani, ora con Gerndt ora con Aratore  (anche lui nel primo tempo contro i nerazzurri si è messo in mostra). L’ex Lucerna, fratello del rossonero Ricardo, ha mostrato di avere le idee chiare e anche il fiuto del gol… chiedere per informazioni al Chiasso e all’Ingolstadt. Se il buongiorno si vede dal mattino, allora ci si può attendere molto dal 24enne.

Chi ha raccolto applausi e buone indicazioni è stato Noam Baumann… proprio quel Baumann che fino all’anno scorso faceva tremare i tifosi bianconeri che guardavano con timore ogni pallone che si avvicinava alla porta difesa dall’ex Wil. E invece, come già mostrato sul finale della stagione da poco conclusa, contro l’Inter – fatta eccezione per il goffo intervento in occasione della rete annullata a De Vrij – l’estremo difensore è salito agli onori della cronaca per un paio di ottimi interventi (su Perisic e Gagliardini) che hanno evitato al Lugano di incamerare un passivo peggiore.

In questo caso, giusto sottolineare i passi avanti fatti, ma restiamo in attesa di conferme. Ma se fosse questo il vero Baumann, il presidente Renzetti – che lo volle fortemente alla sua corte – avrebbe usato al meglio le sue abilità tra i pali e le sue conoscenze per fare centro.

Guarda anche 

Il Lugano si è fermato a Berna: una sosta più che uno stop

BERNA – YB-Lugano 0-1. Rete, e che rete, di Lovric. Così si è chiuso ieri sera il primo tempo del recupero della quarta giornata di Super League sul s...
02.12.2021
Sport

Ecco (forse) il vero Lugano di McSorley…

LUGANO – Vi ricordate il Lugano di ottobre? Quello che aveva paura anche della sua stessa ombra, quello capace di vincere praticamente solo con l’Ajoie e una ...
02.12.2021
Sport

“Il PSE: ora un FCL completo per Mansueto e un atto di coraggio della Città”

LUGANO – Il giorno dopo è sempre quello più bello. Quando vivi con pathos una vittoria, un risultato importante, difficilmente riesce a godertelo imme...
29.11.2021
Sport

“Mi è tornata la passione grazie ai ragazzi che alleno”

LUGANO - Tanti infortuni, tre operazioni, tanta sofferenza fisica e morale ma alla fine Christian Stucki è riuscito ad uscire dall’incubo. Ha sme...
30.11.2021
Sport