Svizzera, 12 luglio 2019

Cambiamenti climatici, quell'anno in cui l'estate in Svizzera non arrivò

Siamo nell'aprile del 1815, dall'altra parte del mondo, e più precisamente sull'isola indonesiana di Sumbawa. Il vulcano Tambora erutta. A metà del mese, tutti i villaggi della regione vicini al vulcano vengono cancellati dalla mappa, uccidendo decine di migliaia di persona. Un disastro naturale di incredibile portata. Enormi nuvole di cenere sono proiettate verso il cielo. L'orizzonte si oscura per centinaia di chilometri intorno all'esplosione.



Questo è solo l'inizio di una lunga successione di catastrofi la cui origine è in gran parte dovuta all'estrema intensità dell'eruzione vulcanica. La Svizzera, questo piccolo, povero paese dell'Europa occidentale, non ne sarà risparmiato. La fame, la miseria e la paura del domani diventeranno presto il destino quotidiano di gran parte della popolazione nei mesi successivi.

In effetti, questo cataclisma ha avuto conseguenze climatiche senza precedenti in tutta la storia moderna. Durante il 1810, si verificò un raffreddamento generale di un grado inferiore alla media globale. Un solo piccolo grado sufficiente a scuotere il pianeta e affamare una parte dell'umanità.

Tuttavia, l'eruzione del Tambora passa quasi inosservata in Europa nel 1815: se ne sentiranno gli effetti senza conoscere la causa. Va detto che allora vi erano altri problemi a cui pensare. Napoleone fa un ultimo giro di giostra e le guerre napoleoniche hanno già devastato il continente. E poi, i mezzi di comunicazione sono ancora limitati. Se la catastrofe avesse avuto luogo oggi, senza dubbio la copertura dei media sarebbe stata immensa.

Prendiamo il caso del Eyjafjallajökull. Quando questo vulcano islandese esplode durante l'anno 2010, fece continuamente i titoli di tutti i giornali internazionali e la felicità dei canali di informazione. Vi ricordate le immagini di quelle orde di turisti bloccati negli aeroporti? Tuttavia, accanto al Tambora, l'Eyjafjallajökull era in realtà un piccolo falò per escursionisti della domenica.



Quindi torniamo al nostro vulcano del diciannovesimo secolo. Non avete sopportato il ​​freddo che ha regnato in questa primavera del 2019? Abbiamo avuto peggio: la temperatura media dell'estate del 1816, in Svizzera, non superava i 14 gradi, a causa degli effetti del Tambora. Quell'anno le nuvole si rifiutano di ritirarsi per permettere al sole di scaldare la terra. Nelle Alpi, la neve non si scioglie e le valanghe continuano a cadere fino alla fine dell'estate.

In pianura, piove in abbondanza. Molto. Al punto che quasi tutto l'altipiano è colpito da inondazioni, tanto che il Lago Lemano fuoriesce e trasforma Ginevra in una palude. Tempeste e inondazioni.

L'inferno e la dannazione

Non è quindi un caso che il 1816 sia soprannominato "l'anno senza estate" dagli storici. Certamente, i turisti facoltosi che cercano vedere nuovi paesaggi in Svizzera non sono contenti di questo clima molto sfavorevole. Ma bisogna ammettere che le loro preoccupazioni sembrano irrisorie in vista del vero disastro affrontato dagli stessi svizzeri. Le basse temperature e le forti piogge portano a scarsi raccolti. Niente cresce. I cereali sono annegati. Lo spettro della carestia è dietro l'angolo.

Per completare il tutto, e per quanto incredibile possa sembrare, il nesso causale tra l'eruzione del Tambora e gli intensi disturbi climatici non è noto al momento, agitando queste condizioni estreme di un denso mistero. È una punizione divina? Alcuni ne sono convinti. Poiché la scienza allora non riesce ancora a spiegare questo fenomeno naturale, la religione cerca di fornire risposte. In Svizzera, ad esempio, si terranno grandi preghiere per cercare di contrastare gli effetti degli elementi che si scatenano. Con scarso successo.

Inondazioni apocalittiche

All'inizio del 19 ° secolo, la Confederazione è ancora un paese povero e i suoi abitanti spesso dipendono dall'agricoltura per sopravvivere. Un cattivo raccolto significa molto più di una perdita economica: se il pane e le patate sono carenti, presto arriva la fame.

Quale modo migliore per capire lo stato della Svizzera durante questo periodo buio se non un resoconto del periodo? Ad esempio, la Gazzetta di Losanna del 23 agosto 1816 riporta: "Il governo di Berna [...] ha appena fatto appello alla benevolenza dei suoi cittadini per le vittime delle inondazioni che si sono verificate in questo cantone e alla carestia che ne è seguita, ordinando che alla prossima solennità del digiuno, una raccolta generale sarebbe stata fatta a loro favore nella capitale e in tutto il cantone".

Questa calamità ha colpito in particolare i baliaggi di Cerlier, Nidau ​​e Buren, ed è difficile esprimere il disagio a cui sono stati ridotti i loro abitanti. I tre laghi di Neuchâtel, Murten e Biel sono stati fusi in uno solo. In molti luoghi, l'acqua è aumentata da 8 a 11 piedi [1 piede è pari a circa 30 cm] sopra il loro livello normale. Quindici - sedicimila arpenti [più di 55 km2, vale a dire l'area delle città di Losanna e Ginevra insieme] di terra sono stati sommersi e le coltivazioni presenti sono andati completamente perduti, almeno per quest'anno.

La Svizzera affronta una crisi umanitaria

Per quanto riguarda la Svizzera francese, tuttavia, nonostante la mancanza di cibo, le persone non devono temere per la propria vita. I governi cantonali si sono organizzati per importare cibo ed evitare il peggio. Rivolte e disordini sono scoppiati comunque, per esempio a Ginevra.

La situazione è invece molto più grave nella Svizzera orientale. I più poveri sono condannati a mangiare spazzatura o erba. Ma i poveri raccolti non sono gli unici responsabili di questa emergenza umanitaria: a causa del recente sviluppo di nuovi macchinari, molte persone hanno perso il lavoro durante questo periodo.



Privati ​​di un reddito, non riescono a far fronte all'aumento del prezzo del cibo, orchestrato da speculatori attirati dal guadagno facile e incurante del destino riservato ai più deboli. Nel solo cantone di San Gallo, ad esempio, ci saranno 5'000 persone che moriranno di fame nel 1816, quando non potranno più permettersi di comprare di che mangiare. In Svizzera, quell'anno, in media, ci sono stati più morti che nascite.

In quell'anno di fame e di carestie si raccolgono anche testimonianze di scene delle più cruente. Alcuni genitori uccidono i loro figli per evitare loro una lunga e terrificante agonia per fame. Innumerevoli mendicanti vagano per le vie nella speranza di ricevere un pezzo di pane. Alcuni rubano abbastanza per sopravvivere un giorno o due. I governi cantonali sono spietati e condannano severamente tali atti, a volte ricorrendo alla pena di morte.

Fortunatamente, la situazione migliora l'anno dopo. Nel 1817, gli effetti del Tambora sono quasi del tutto scomparsi e quell'anno abbiamo buoni raccolti. Il peggio, finalmente, è passato.

Articolo adattato da una pubblicazione apparsa sul sito helvetiahistorica.org, a sua volta basato sul libro "L'anno senza estate" di Gillen D'Arcy Wood

Guarda anche 

In aumento i richiedenti l'asilo dalla Turchia, "vogliamo andare in Europa e ci causeremo guai" (VIDEO)

È notizia di ieri che il numero di domande d'asilo presentate da cittadini turchi è aumentato in modo significativo negli ultimi anni, in particolare da...
16.09.2019
Svizzera

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera

Umiliato e ridicolizzato: in casa Lugano il futuro è tutto un rebus

LOSANNA – C’era una volta il Lugano che divertiva e che si divertiva. C’era una volta il Lugano che dettava il suo gioco contro chiunque e che era capac...
15.09.2019
Sport

Maxirissa tra migranti su un treno tra Berna e Bienne, 2 feriti e 15 arresti

Un uomo e una donna sono rimasti feriti durante una rissa scoppiata nella notte tra venerdì e sabato in un treno che collegava Bienne a Berna. La polizia ha arrest...
15.09.2019
Svizzera