Ticino, 09 luglio 2019

Calci e pugni ai famigliari: giovane del Luganese accusato di tentato omicidio

Un ragazzo del Luganese è accusato di tentato omicidio per aver, alcune domeniche fa, aggredito mamma, papà e fratello durante un impeto di rabbia. Lo riporta la RSI, specificando che il ragazzo, affetto da disturbi psichici, ha aggredito i famigliari con il manubrio di un attrezzo da palestra, ma non solo...

Mollato l'attrezzo, infatti, il protagonista ha sferrato un pugno in faccia al madre, un calcio in pancia alla madre e ferito alle spalla il fratello (maggiorenne). Ma anche uno degli agenti di Polizia recatosi sul posto se l'è vista brutta. Uno dei poliziotti – riporta sempre la RSI –  è stato colpito da un disco per il sollevamento dei pesi.

Il protagonista si trova ora ricoverato in clinica e nei prossimi giorni la procuratrice Pamela Pedretti, coordinatrice delle indagini, deciderà sulla carcerabilità dell'imputato.

Guarda anche 

"Rielezione Cassis è solo la logica del meno peggio"

*Di Lorenzo Quadri   Che la verde-anguria Regula Rytz (verde fuori, rossa dentro), posizionata a sinistra della sinistra, non sia stata eletta in Consiglio ...
11.12.2019
Ticino

Delitto di Caslano, chiesti 16 anni per il nipote che uccise la nonna

16 anni di carcere. È la richiesta che la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo ha chiesto ai danni del 24enne che nel luglio 2018 uccise la nonne a colpi di m...
11.12.2019
Ticino

Cittadini criminalizzati, mentre i veri delinquenti…

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Storica (per chi si accontenta) sentenza del Tram, Tribunale amministrativo cantonale, sul tema &...
11.12.2019
Ticino

Delitto di Caslano, il nipote: "Non volevo ucciderla, ma solo minacciarla"

“Volevo solo minacciarla, non ucciderla”. Si difende così a processo il 24enne che la notte dello scorso 6 2018 uccise la nonna a Caslano con una dozzi...
11.12.2019
Ticino