Svizzera, 08 luglio 2019

Ghiggia torna in corsa: "Euroturbo, tremate!"

*Dalla prima pagina del Mattino della Domenica

Bene bene, il leghista Battista “Bat” Ghiggia ha deciso di scendere in campo per il Consiglio degli Stati. Già quattro anni fa, presentandosi da quasi-sconosciuto, Ghiggia aveva sfiorato l’elezione alla Camera alta, dando del filo da torcere al radikale Fabio “Delta Resort” Abate. Adesso che quest’ultimo non si ripresenta, l’ex partitone ha una fifa blu di perdere la CADREGA! La battaglia si annuncia dura, visto anche l’inciucio contro natura che i vertici uregiatti e quelli liblab sognano di portare a termine, contro la volontà della base. Un pateracchio dietro al quale non sta alcun progetto politico, ma semplicemente la salvaguardia di CADREGHE!

E l’identità, le convinzioni, gli ideali, la storia? Chissenefrega! L’importante sono i giochini di potere (?) di cui beneficiano sempre i soliti tromboni. Mentre il cittadino-elettore viene relegato al ruolo di utile idiota, da tradire alla prima occasione. Vedi preferenza indigena. E ricordiamo anche che la maggioranza dei ticinesi in maggio ha silurato il Diktat disarmista dell’UE, mentre i politicanti del triciclo andavano in giro a strillare che bisognava calare le braghe!

E’ un dato di fatto che da decenni la maggioranza dei ticinesi non è rappresentata al Consiglio degli Stati. I due deputati PPDog e liblab sostengono sistematicamente la SVENDITA della Svizzera a Bruxelles. Mentre il popolo continua a votare l’esatto contrario! Nella prossima legislatura a Berna si deciderà il futuro del nostro Paese: Stato libero e sovrano o colonia dell’UE, come vuole il triciclo PLRPPD- P$$? Con una simile posta in gioco, il Ticino non può in nessun caso permettersi di eleggere, alla Camera dei cantoni, da due spalancatori di frontiere euroturbo! Discorso analogo vale ovviamente anche per il Consiglio nazionale! Forza Lega, Forza Ghiggia! Asfaltiamo i camerieri di Bruxelles!

*Edizione del 7 luglio 2019

Guarda anche 

Madre compra un coltello a suo figlio, un anno dopo finisce in un'odissea giudiziaria

Comprare un piccolo coltello al figlio di 10 anni è costato caro a Barbara (nome di fantasia), una madre ginevrina, che, a causa del suo acquisto, è finita ...
16.09.2019
Svizzera

Quadri: "Troppe naturalizzazioni facili e mai un ritiro del passaporto"

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri Ohibò: al jihadista Umit Y., ex impiegato di Argo1, verrà (forse) tolta la cittadinanza svizz...
16.09.2019
Svizzera

"Basta regalare passaporti. Qui o si cambia registro o è la fine"

*Dalla prima pagina del Mattino della Domenica Ah, ecco: al jihadista turco, naturalizzato svizzero, che lavorava (?) per Argo1, verrà forse ritirata la cittadi...
16.09.2019
Svizzera

Per Micheline Calmy-Rey il miliardo di coesione all'UE non è sufficiente, "bisogna aumentare l'importo in segno di buona volontà"

Secondo l'ex Consigliera federale socialista Micheline Calmy-Rey la Svizzera dovrebbe aumentare il contributo previsto all'Unione europea, attualmente 1 miliardo ...
15.09.2019
Svizzera