Sport, 07 luglio 2019

A Lugano arriva l’Inter: blindato lo stadio

Inizia oggi a Cornaredo la prima fase della preparazione dei nerazzurri

LUGANO - Fermi tutti: arriva l’Inter. Stop a guardoni, curiosi, pettegoli e spie: nel ritiro di Cornaredo, che inizia oggi e terminerà dopo la partita amichevole di domenica prossima, non saranno ammessi giornalisti e tifosi; chi vorrà guardare gli allenamenti sui due campi secondari dovrà salire sui tetti di qualche casa o salire sulla collina di Porza e guardarli con il cannochiale. Insomma: l’avventura targata Antonio Conte si apre così, con un ribaltamento completo delle usanze e delle abitudini dei ritiri precampionato.

Un diktat imposto dal nuovo Savonarola del mondo nerazzurro, il temuto purificatore di un ambiente che negli ultimi mesi spesso e volentieri è stato in balia dei social e di riflesso dei veleni e delle polemiche. L’uomo del Salento, nemico dei giudici e degli inquisitori, si trasforma in implacabile sanzionatore: chi sbaglia paga, chi disturba se ne va. Ne sa qualcosa Mauro Icardi che, nonostante sia stato già “tagliato” dal Mister, si presenta in ritiro forte in un contratto che prevede il suo impiego. Almeno sulla carta. Intanto l’Inter sta cercandogli una sistemazione, visto che il nuovo conducator di Appiano Gentile lo ha già condannato all’obliò. Ma intanto Maurito ci sarà e certamente i tifosi interisti sperano di strappargli un autografo o un selfie, magari di nascosto, visto che i pretoriani di herr Antonio lo vigileranno a vista.

L’arrivo dell’Inter ha certamente scatenato la fantasia dei tifosi, soprattutto quelli locali:
in Ticino sono parecchi, anche se ampiamente battuti dagli juventini, che dalle nostre parti sono in maggioranza. C’è anche delusione, perché vedere i propri beniamini sarà quasi impossibile. Conte detta legge e le sue regole, ne abbiamo già accennato prima, non lasciano spazio ad interpretazioni, come ci ha segnalato il giornalista-opinionista di Telelombardia Gianluca Rossi:

“Mister Conte premerà subito sull’acceleratore perché non vuole perdere tempo. Alla prima giornata di campionato vuole farsi trovare pronto: non vuole insomma concedere nulla alla Juventus, contro la quale conta di restare affiancato (e magari superarla) sin dall’avvio…”.

Intanto però la società deve ancora chiarire delle situazioni di mercato che probabilmente non fanno dormire sonni tranquilli all’ex tecnico della Juventus, della nazionale italiana e del Chelsea. In primo luogo la posizione di Icardi, tutt’altro che facile da sistemare visto che al momento attuale non ci sono offerte concrete; poi la questione Barella: il centrocampista del Cagliari non ha ancora firmato, e in questi giorni si è inserita anche la Roma nelle trattative; infine Dzeko e Lukaku. I due attaccanti hanno la massima stima di Conte ma anche in questi casi le operazioni di mercato vanno per le lunghe. Per farla breve: l’Inter è ancora incompleta e ciò infastidisce il nuovo tecnico, che si aspettava di arrivare a Lugano quanto meno con una rosa quasi definita.

Guarda anche 

"Sul polo sportivo non cadiamo nel tranello di litigare"

Ho letto le parole di Fulvio Pelli sul Corriere del Ticino in merito al polo sportivo. Mi sembrano le prime avvisaglie ad un possibile ricorso che spero non arriver&ag...
26.05.2020
Opinioni

"Renato Bernasconi era il migliore di 83 candidati"

Renato Bernasconi è stato ritenuto il migliore fra 83 candidati, stando al Consiglio di Stato e come si può leggere nella risposta all’interrogazione ...
19.05.2020
Ticino

Summer Jamboree on the Lake e la mostra Rock’n’Roll is a State of the Soul vi aspettano nel 2021

L’evento anni ‘50 tanto atteso sulle rive del Ceresio previsto per la prima volta in Svizzera, dal 4 al 7 giugno 2020, non avrà luogo, nel rispe...
13.05.2020
Ticino

"Quanti sono i ragazzi 'dispersi' nel periodo di insegnamento a distanza?"

Quanti sono gli allievi delle scuole medie che non hanno potuto seguire le lezioni a distanza nelle settimane in cui le scuole erano chiuse a causa della pandemia? Se lo ...
13.05.2020
Ticino