Mondo, 04 luglio 2019

La processione si ferma davanti casa di un boss mafioso: sindaco e maresciallo su tutte le furie

Ha lasciato tutti a bocca aperta la decisione dell’arciprete di Villafrati, in provincia di Palermo, di fermare la processione del Corpus Domini davanti alla casa di un boss di Cosa nostra, uno dei fedelissimi di Bernardo Provenzano. Una sosta che ha mandato su tutte le furie il maresciallo e il sindaco del paese che, imbarazzati dalla decisione dell’arciprete, hanno deciso di allontanarsi.

L’episodio – riporta la Repubblica Palermo – è stato segnalato alla procura, al prefetto e all’arcivescovo di Palermo. “Se quel sacerdote fosse stato un mio assessore lo avrei già cacciato”, ha commentato Francesco Agnello, il sindaco.

“Io non so se il sacerdote sapesse o meno che quella è l’abitazione di un mafioso condannato: c’era la porta aperta, accanto era stato sistemato un piccolo altare. Ma non ci possono essere equivoci davanti a certe situazioni”.

Guarda anche 

Assad intervistato dalla RAI, “Immigrazione colpa del sostegno Ue ai terroristi” (Video)

“L’Ue ha sostenuto i terroristi in Siria dal primo giorno. Ha accusato il governo siriano, e alcune nazioni come la Francia hanno inviato armi. Ecco chi ha cr...
11.12.2019
Mondo

Il killer dell'ospedale della Repubblica Ceca si è tolto la vita

Ha sparato in un ospedale della Repubblica Ceca uccidendo sei persone e ferendone diverse. Poi è scappato e si è tolto la vita. Il killer responsabile della...
10.12.2019
Mondo

Follia in Repubblica Ceca, sparatoria in ospedale: almeno sei morti

Sono almeno sei i morti di una sparatoria in Repubblica Ceca, avvenuta questa mattina in un ospedale universitario di Ostrava. Un uomo ha aperto il fuoco all'improvvi...
10.12.2019
Mondo

Cile, aereo militare con 38 persone a bordo scompare dai radar. "È distrutto"

Un aereo militare cileno con 38 persone a bordo è scomparso dai radar questa mattina. 17 i membri dell'equipaggio a bordo e 21 i passeggeri. L'aereo, un C1...
10.12.2019
Mondo