Ticino, 24 giugno 2019

Asilanti in sciopero della fame, "ma le cuffiette con Bluetooth chi gliele ha comprate?"

Questa mattina, una trentina di ospiti del centro per richiedenti asilo di Camorino hanno scioperato. Hanno trascorso la giornata nel bunker dove alloggiano. Una protesta, si legge in un comunicato stampa, contro la gestione del centro e contro il Cantone.

“Il Cantone e la Croce rossa – si legge nel comunicato – stanno per imporre ai rifugiati un nuovo regolamento che li costringe a lasciare il Centro contro la loro volontà alle 9 del mattino e tornare alle 18:00.

I rifugiati hanno deciso di respingere questo ordine del Cantone perché sappiamo che ci stanno spingendo verso il muro: vogliono costringerci a fare qualcosa fuori dagli schemi, per dare loro modo di espellerci dalla Svizzera. Questo non è altro che una semplice politica sporca che viene giocata con rifugiati civili e minacciati che stanno affrontando una persecuzione nei loro paesi d'origine.

Ci hanno già messi in uno stato di depressione. Che cosa vuole fare di più la Croce Rossa con noi? Trovano sempre un nuovo modo di molestare tutti qui creando ostacoli e leggi e problemi spiacevoli. Ci hanno minacciato di chiamare la polizia. Ci minacciano e non ci lasciano uscire. Se le molestie sono un crimine, allora perché è consentito molestare i rifugiati in Svizzera?”.

E ancora: “Siamo stanchi del comportamento dello staff. Tuttavia, non faremo nulla di immotivato per danneggiare noi stessi o gli altri in modo che la Croce Rossa trovi una ragione per essere più dura. Abbiamo deciso di resistere a questa ingiustizia. Non usciremo dal campo seguendo questo orario forzato e imposto, anche se chiamano la polizia. Non stiamo facendo nulla di illegale. Iniziamo uno sciopero della fame, ci rifiuteremo di mangiare e protesteremo contro questa illogica imposizione di leggi insensate, e seguiremo tutte le procedure pacifiche per evitarlo.”

Chiediamo a tutti voi di prendere posizione assieme a noi contro questa decisione disumana del Cantone e della Croce Rossa”.

Immediata la presa di posizione della Lega dei Ticinesi, che attraverso la propria pagina Facebook scrive: “Asilanti in sciopero della fame perché l’accoglienza nel nostro Paese non è (a lor dire) dignitosa...ma le cuffiette con Bluetooth chi gliele ha comprate?”.


 


Guarda anche 

Zali sull'aeroporto: "Il PLR chiarisca la sua posizione"

Il Consigliere di Stato leghista Claudio Zali si è espresso ieri a Matrioska sulla situazione dell'aeroporto di Lugano-Agno. Il direttore del DT non ha risparm...
16.10.2019
Ticino

Lugano Airport, "ve lo diamo noi il flugzug"

*Dal Mattino della Domenica. DI Lorenzo Quadri I balivi germanici di Lufthansa (altro che Swiss) ne combinano peggio di Bertoldo. E dire che, dopo il grounding della &...
16.10.2019
Ticino

Maxi incendio a Manno: 50 persone evacuate

La Polizia cantonale comunica che oggi poco dopo le 11.00 a Manno in via Violino è scoppiato un incendio in un'azienda. Per cause che l'inchiesta di pol...
16.10.2019
Ticino

Aeroporto, "l'ente pubblico deve battersi per i voli di linea. Non per la loro rottamazione"

*Dal Mattino della domenica Visto che la situazione all’aeroporto di Lugano-Agno non era già abbastanza critica, in concomitanza con la “cagata pazz...
16.10.2019
Ticino