Mondo, 24 giugno 2019

Arrestato presunto pedofilo svizzero in Brasile, viaggiava con un bambino tailandese

Uno svizzero di 63 anni è stato arrestato giovedì scorso all'aeroporto di Guarulhos, a San Paolo, in Brasile. Stava cercando di imbarcarsi su un volo per il Cile con un bambino tailandese di 11 anni. Secondo il portale Watson.ch, che riporta fonti della stampa locale, è stato colto in flagrante in possesso di materiale pedopornografico ed è sospettato di pedofilia.

L'uomo e il bambino sarebbero in viaggio insieme dall'inizio di maggio. Avrebbero attraversato il Nepal e poi la Turchia prima di arrivare in Brasile. Sono stati avvistati in un hotel a San Paolo: non sarebbero stati visti fuori dalla loro stanza per quattro giorni. La polizia ha cercato di arrestare l'uomo in albergo, ma l'uomo e il ragazzo se ne erano già andati. Sono stati fermati poco dopo all'aeroporto.

Il 63enne ha tentato di imbarcarsi con un documento che sarebbe stato firmato dalla madre del bambino e in modo da permettergli di viaggiare con il ragazzo. Ma i funzionari doganali sono stati scettici e la stampa locale osserva che questo tipo di documento è facilmente falsificabile in Tailandia.

Il sospetto non sarebbe mai stato condannato ma in passato sarebbe già stato nel mirino della giustizia, accusato di violenza sessuale sui bambini in Svizzera e Thailandia. La polizia federale lo descrive come "esperto nella distruzione di prove".

Questa volta gli agenti brasiliani hanno trovato due telefoni cellulari e una fotocamera, ma l'uomo aveva cancellato quasi tutti i file. Tuttavia, gli inquirenti brasiliani sono riusciti a trovare due video in cui si vede il bambino nudo, riferisce il portale brasiliano "O Globo".
È stato anche ritrovato de Viagra nella stanza d'albergo.

Il bambino avrebbe difeso l'uomo con cui viaggiava e negato qualsiasi violenza sessuale. Questo potrebbe dimostrare un forte rapporto di sottomissione, scrive la stampa locale. È stata condotta una visita medica per scoprire se è stato abusato. Per quanto riguarda il 63enne, ha cercato senza successo di ottenere la libertà sotto cauzione. Rischia una pena detentiva da 1 a 4 anni per il possesso di video pedofili, spiega la polizia federale brasiliana. E da 6 a 10 anni se giudicato colpevole di abusi sessuali. "Il Dipartimento federale degli affari esteri conferma l'arresto di un cittadino svizzero in Brasile", ha affermato il portavoce Pierre-Alain Eltschinger.  

Guarda anche 

Gang di pedofili ignorate dalla polizia inglese per evitare tensioni razziali

Secondo quanto emerso da un’inchiesta interna, che ha preso il nome di “operazione Liden” condotta dalla polizia inglese e riportata dal quotidiano...
20.01.2020
Mondo

Trofei su trofei e tanto alcool: Per Adriano “Dio è mio amico”

RIO DE JANEIRO (Brasile) – Chi se lo ricorda con la maglia dell’Inter a inizio anni 2000, ha ancora negli occhi un giocatore impressionante, dotato di un fisi...
15.12.2019
Sport

Bolsonaro accusa Di Caprio di finanziare gli incendi in Amazzonia

Secondo il presidente del Brasile Jair Bolsonaro l'attore americano Leonardo Di Caprio avrebbe finanziato delle organizzazioni ambientaliste accusate dalla polizia br...
02.12.2019
Mondo

Dalla tragedia, alla retrocessione al rischio fallimento: i tre anni neri della Chapecoense

CHAPECÒ (Brasile) – 28 novembre 2016-28 novembre 2019. Il destino sembra essersi accanito in maniera beffarda sulla Chapecoense. A distanza di 3 anni esatti ...
29.11.2019
Sport