Mondo, 13 giugno 2019

Marine Le Pen rinviata a giudizio per aver pubblicato foto dell'Isis

La presidente del Rassemblement National Marine Le Pen è stata rinviata a giudizio per aver pubblicato un delle immagini di esecuzioni dell’Isis su Twitter.

Le Pen andrà ora a processo per aver diffuso "messaggi violenti che incitino al terrorismo o alla pornografia o nuoccia gravemente alla dignità umana” e potenzialmente visibili da minori, come disposto da un giudice nel sobborgo di Nanterre, nella periferia occidentale di Parigi, dove ha sede il partito.

Il 16 dicembre 2015 in polemica con Jean-Jacques Bourdin, Marine Le Pen aveva pubblicato su Twitter alcune immagini atroci dei crimini dell’Isis. La leader francese aveva accusato il giornalista di aver paragonato il suo partito, all’epoca col nome di Front National, all’organizzazione
terroristica.

“Daesh è questo!” aveva replicato su Twitter la Le Pen, usando l’acronimo arabo, e pubblicando alcuni degli efferati omicidi dello Stato islamico: una delle immagini ritraeva il corpo decapitato di James Foley, un giornalista americano tra i primi ad essere giustiziato dagli estremisti sunniti. Nella seconda immagine si vedeva un prigioniero dell’Isis con la tuta arancione mentre veniva schiacciato da un carro armato, nell'ultima invece un pilota giordano bruciato vivo dentro a una gabbia.

Per questa stessa accusa l'anno scorso Marine Le Pen aveva ricevuto la richiesta da un magistrato di sottoporsi a test psichiatrici in connessione con i tweet dell'Isis. Adesso rischierebbe fino a tre anni di carcere e una multa di 75'000 euro.

Guarda anche 

Accusato di avere ucciso la moglie e la cognata, rischia ergastolo e espulsione

Un uomo di 57 anni, di nazionalità kosovara e residente nel canton Argovia, si trova sotto processo da lunedì con l'accusa aver ucciso la moglie 38enne ...
09.06.2021
Svizzera

"Rapito e poi picchiato con una pistola puntata alla tempia", prima condanna in una vicenda di droga sfuggita di mano

Assomiglia alla trama di un film la vicenda descritta in una sentenza del tribunale distrettuale di Winterthur (ZH). Come riportato venerdì dal "Tages-Anzeige...
05.06.2021
Svizzera

Aveva congelato e murato il corpo della moglie per incassare la sua pensione, se la cava con una condanna sospesa

Aveva dapprima congelato e poi murato il corpo della moglie, ma non andrà in carcere in quanto non è stato possibile accertare le cause della morteé ...
26.05.2021
Svizzera

Morte Hayden: chiesti 15 milioni di risarcimento a chi lo investì

USA – I familiari di Nicky Hayden, l’ex campione del mondo di motociclismo investito da un’auto mentre era in bici a Misano il 17 maggio 2017 e morto po...
24.05.2021
Sport