Sport, 07 giugno 2019

Sempre presente allo stadio dagli anni ’50 nonostante la cecità: il club mette una sua statua nel suo posto

Il Valencia ha omaggiato il suo tifoso più fedele che è scomparso due anni fa

VALENCIA (Spagna) – Stessa ora, stesso posto, stesso stadio: parafrasando la famosa canzone degli 883, potremmo descrivere in questo modo l’attaccamento e l’amore che un tifoso del Valencia ha dimostrato verso il suo club del cuore che ha dedicato la sua vita alla squadra, rinnovando fin dagli anni ’50 l’abbonamento in tribuna centrale al Mestalla. Fila 15, posto 164, questo era quello di Vicente Navarro Aparicio.

Il tutto nonostante una malattia che lo ha reso cieco: sempre presente nonostante non potesse vedere la partita, per amore del Valencia e delle emozioni che il Mestalla gli faceva provare.

Ora il club ha deciso di ricordare il suo tifoso morto 2 anni fa, costruendo nell’anno del centenario una statua in suo onore sul suo posto.

Guarda anche 

Allo stadio col coltello: in Italia ci è quasi scappato il morto

BOLOGNA (Italia) – Rischiare la vita per una partita di calcio. Rischiare la vita per un pantaloncino lanciato ai propri tifosi da un giocatore. Sembra folle raccon...
10.12.2019
Sport

“La crisi dell'HCL? Gli stranieri. E quel mio gol col Gordola nell'88...”

LUGANO - Fabio Regazziè consigliere nazionale del PPD, titolare dell’omonima azienda di Gordola e presidente dell’Associazione industrie ticinesi....
10.12.2019
Sport

Svizzera e Italia insieme a EURO 2020 e quel Mondiale 1962...

LUGANO – Svizzera e Italia tornano ad affrontarsi nella fase finale di una competizione internazionale. Non succedeva, pensate, dai Mondiali del Cile del 1962....
09.12.2019
Sport

1 solo punto: ma che Lugano a Neuchâtel! E la cessione è a un passo

NEUCHÂTEL - Terzo risultato utile consecutivo, malgrado le assenze importanti di Bottani, Junior, Gerndt, Rodriguez, Sabbatini e Maric...
08.12.2019
Sport