Svizzera, 29 maggio 2019

Jihadisti svizzeri in Siria, i curdi disposti a occuparsene "ma dateci aiuto finanziario"

Fra i migliaia di jihadisti stranieri appartenenti allo Stato islamico (ISIS) prigionieri dei curdi delle forze democratiche siriane (SDF), ve ne sono decine in possesso di un passaporto svizzero. Dopo mesi di incertezza sulla sorte dei cosidetti "foreign fighters", in una riunione a Ginevra le autorità curde in Siria si dicono disposte a giudicarle, ma chiedono alla Svizzera e alla comunità internazionale un sostegno finanziario.

"Abbiamo il diritto, in primo luogo, di giudicare" i circa 7'000 sospetti terroristi attualmente detenuti nel nord-est, ha detto in un'intervista all'agenzia Keystone-ATS il suo rappresentante, Khaled Issa. Circa 2000 jihadisti o loro parenti sono stranieri. Fra questi, secondo l'intelligence elvetica, quelli con un passaporto svizzero sarebbero circa una ventina.

La scorsa settimana, di fronte all'incertezza giuridica di queste persone, Issa ha partecipato a una riunione a Ginevra per discutere tre scenari con una dozzina di stati, ONG e organizzazioni internazionali.

Issa non dice di essere contrario a un tribunale misto, in cui le autorità giudiziarie locali e gli esperti stranieri sarebbero associati. D'altro canto, l'idea evocata di un tribunale speciale internazionale in un altro paese non gli è gradito, anche se ritiene che sarebbe stata autorizzata dalla risoluzione 2170 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. I membri dell'ISIS "sono stati arrestati sul nostro territorio. Hanno perpetrato i loro atti sul nostro territorio ", dice. "Le vittime sono le nostre famiglie e le nostre infrastrutture".

Il rappresentante curdo è stato anche in grado di valutare a Ginevra la riluttanza degli Stati a rimpatriare i propri cittadini partiti per unirsi all'ISIS.

Chiede loro di aiutare finanziariamente la sua organizzazione a rafforzare la sicurezza ma anche a migliorare le condizioni di detenzione di queste persone. E per dare loro assistenza materiale e la loro esperienza. Un appello lanciato in particolare alla Svizzera per "la sua neutralità e la sua esperienza".

Guarda anche 

Hockey: e se il campionato si prendesse una pausa?

FRIBORGO – I numeri dei contagi da Covid-19 sono in ampia e costanza ascesa, aumentano anche i ricoveri e le presenze in terapia intensiva e, stando a quanto riport...
21.10.2020
Sport

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo

Spagna in assoluto controllo: Rossocrociati impalpabili

MADRID - Ci sono ancora anni di luce di differenza fra la nostra Nazionale e quella spagnola. Nel gioco, nel modo di applicarsi in campo, nell’attitudin...
12.10.2020
Sport

Una svizzera uccisa da un gruppo islamico in Mali

Una cittadina svizzera rapita quattro anni fa in Mali è stata uccisa dai suoi rapitori, un gruppo islamico vicino a Al Qaida. Il Dipartimento federale degli affari...
10.10.2020
Svizzera