Svizzera, 29 maggio 2019

Jihadisti svizzeri in Siria, i curdi disposti a occuparsene "ma dateci aiuto finanziario"

Fra i migliaia di jihadisti stranieri appartenenti allo Stato islamico (ISIS) prigionieri dei curdi delle forze democratiche siriane (SDF), ve ne sono decine in possesso di un passaporto svizzero. Dopo mesi di incertezza sulla sorte dei cosidetti "foreign fighters", in una riunione a Ginevra le autorità curde in Siria si dicono disposte a giudicarle, ma chiedono alla Svizzera e alla comunità internazionale un sostegno finanziario.

"Abbiamo il diritto, in primo luogo, di giudicare" i circa 7'000 sospetti terroristi attualmente detenuti nel nord-est, ha detto in un'intervista all'agenzia Keystone-ATS il suo rappresentante, Khaled Issa. Circa 2000 jihadisti o loro parenti sono stranieri. Fra questi, secondo l'intelligence elvetica, quelli con un passaporto svizzero sarebbero circa una ventina.

La scorsa settimana, di fronte all'incertezza giuridica di queste persone, Issa ha partecipato a una riunione a Ginevra per discutere tre scenari con una dozzina di stati, ONG e organizzazioni internazionali.

Issa non dice di essere contrario a un tribunale misto, in cui le autorità giudiziarie locali e gli esperti stranieri sarebbero associati. D'altro canto, l'idea evocata di un tribunale speciale internazionale in un altro paese non gli è gradito, anche se ritiene che sarebbe stata autorizzata dalla risoluzione 2170 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. I membri dell'ISIS "sono stati arrestati sul nostro territorio. Hanno perpetrato i loro atti sul nostro territorio ", dice. "Le vittime sono le nostre famiglie e le nostre infrastrutture".

Il rappresentante curdo è stato anche in grado di valutare a Ginevra la riluttanza degli Stati a rimpatriare i propri cittadini partiti per unirsi all'ISIS.

Chiede loro di aiutare finanziariamente la sua organizzazione a rafforzare la sicurezza ma anche a migliorare le condizioni di detenzione di queste persone. E per dare loro assistenza materiale e la loro esperienza. Un appello lanciato in particolare alla Svizzera per "la sua neutralità e la sua esperienza".

Guarda anche 

Crisi di governo in Norvegia per il rimpatrio di una jihadista

Il partito di destra, il FRP, ha lasciato il governo norvegese in segno di protesta contro il rimpatrio dalla Siria di una moglie di un jihadista la scorsa settimana, rim...
21.01.2020
Mondo

Verso una settimana lavorativa di 67 ore?

Una revisione della legge federale sul lavoro prevede di autorizzare settimane di lavoro di 67 ore, riferiva domenica "Le Matin Dimanche", che cita un documento...
20.01.2020
Svizzera

Fischer lancia il Mondiale casalingo: "Sognare non costa nulla"

ZUGO - La nazionale rossocrociata ha mire ambiziose: i prossimi Mondiali del gruppo A si svolgeranno proprio nel nostro paese dall’8 al 24 maggio (sedi ...
20.01.2020
Sport

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera