Sport, 27 maggio 2019

Lugano come Milan, Lazio e (forse) Arsenal: una compagnia europea di lusso

I bianconeri attenderanno gli esiti dei turni preliminari e dei playoff per conoscere poi ad agosto i loro “compagni di avventura”

LUGANO – La festa grande è iniziata sabato sera, dopo la rete di Brlek e dopo il triplice fischio finale che ha sancito il sudatissimo 3-3 interno contro il GC e la conseguente qualificazione ai gironi della prossima Europa League. Un traguardo storico: è la seconda volta che avviene negli ultimi 3 anni, una cosa incredibile se pensiamo al budget e alla storia di una società che fino al 2015 veleggiava in Challenge League.

Ora la squadra riposerà qualche settimana, prima di tornare ad allenarsi a metà giugno in vista della nuova stagione. Ci sarà da tenere d’occhio la questione societaria, cercando di capire che se Novoselskiy farà valere la sua opzione o meno, ci sarà da capire dove finirà Junior e quanti soldi porterà in dote, ci sarà da seguire la vicenda Sadiku (il Levante farà valere la recompra?), insomma… col mercato che sta per entrare nel vivo, di sicuro non ci si annoierà.

Ma con i vari campionati finiti, sono arrivati i primi verdetti in vista della stagione che verrà: la Super League ha decretato il futuro di YB e Basilea – che si giocheranno i playoff e i turni preliminari della Champions League – e di Lugano, Thun e Lucerna: gli svizzero centrali scenderanno in campo in Europa già nel secondo turno eliminatorio (alla pari della Roma e dell’Enitracht Francoforte, per intenderci), il Thun dal terzo (come il Feyenoord, lo Spartak Mosca), dopo di che ci saranno i playoff contro le squadre eliminate nel terzo turno della Champions League.

E il Lugano? Il Lugano attenderà con calma che le fasi eliminatorie finiranno ed emetteranno i propri verdetti, per poi conoscere quali saranno le squadre che dovrà affrontare nel proprio girone. I bianconeri, insomma, sono dei privilegiati, tanto da condividere questo privilegio alla pari di squadre di grande blasone come il Milan, la Lazio, il Siviglia, il Mönchengladbach e l’Arsenal, nel caso non dovesse vincere la finale di Europa League mercoledì.

Insomma… per un piccolo club, un bel salto verso la fama.

Guarda anche 

“Ciao Los Angeles. Ora torna a guardare il baseball”. Il sobrio saluto di Ibrahimovic alla MLS

LOS ANGELES (USA) - Mai banale neanche quando si tratta di presentare il suo saluto a un campionato che lo ha accolto a braccia aperte, a una squadra che lo ha trattato c...
14.11.2019
Sport

Asprilla da paura: “Un narcos mi ha chiesto l’autorizzazione per uccidere Chilavert”

MEDELLIN (Colombia) – Non ha avuto certo una vita noiosa Faustino Asprilla, storico attaccante della Colombia degli anni ’90 che ha vestito anche la maglia de...
14.11.2019
Sport

Primi mugugni e malcontenti dalla parti della Cornér Arena. Cosa non va nel Lugano?

LUGANO – Qualche mugugno, seppur flebile, tra i sostenitori del Lugano si è iniziato a sentire martedì sera. Forse la sosta per la Nazionale e l&rsquo...
14.11.2019
Sport

Via la convenzione e via anche la libera circolazione

Secondo il presidente della Regione Lombardia Alessandro Fermi, la Convenzione tra Svizzera ed Italia che regola i ristorni dei frontalieri sarebbe perfettamente attuale....
12.11.2019
Opinioni