Sport, 23 maggio 2019

Lugano, jackpot sprecato o punto guadagnato?

Nonostante l’1-1 di ieri a Neuchâtel, i bianconeri sono in piena corsa per conquistare il terzo posto in campionato che significherebbe fase a gironi dell’Europa League

NEUCHÂTEL – Troppo brutto per sperare di vincere, troppo fortunato per incappare in un KO che avrebbe potuto avere ripercussioni importanti sulla classifica, ieri sera il Lugano ha fatto ritorno da Neuchâtel con 1 piccolo punto in cascina, frutto di una prestazione davvero povera di contenuti: i bianconeri sono stati tenuti a galla quasi esclusivamente dai due pali centrati dai neocastellani e dalla fortunata autorete che aveva regalato il vantaggio ai ragazzi di Celestini.

A leggerla così si potrebbe vedere tanto di negativo nella prestazione offerta da Sulmoni e compagni, che sono stati sorpassati in classifica dal Lucerna, ma anche qualcosa di positivo: se giochi così, se crei pochissimo contro la penultima in classifica e con un po’ di fortuna torni a casa con 1 punto… allora hai il diritto e il dovere di guardare con fiducia al futuro prossimo.

Futuro prossimo che risponde al nome del GC – ultimo e condannato alla retrocessione – ma quella di sabato sarà una serata da vivere a Cornaredo col patema d’animo e con un orecchio teso per capire cosa avverrà in quel di Berna. È vero, l’YB ha già vinto il campionato e ospiterà il lanciatissimo Lucerna (pazzesco che una squadra con una differenza reti negativa in Svizzera rischi di andare in Europa League, quando in qualsiasi altro campionato lotterebbe giusto per la salvezza, ndr), ma quella sarà la sera della festa giallo nera, con tanto di consegna della coppa: sicuri che i campioni in carica vorranno salutare con una sconfitta?

Ovviamente dal canto suo il Lugano dovrà battere le Cavallette. Per farlo potrà e dovrà contare su Gerndt e Junior: le assenze simultanee dei due bomber stagionali, ieri, si è fatta sentire. Se a questo si sommano le difficoltà incontrate in stagione da Sadiku a trovare la via della rete… il conto è presto fatto. Saranno, di conseguenza, giorni frenetici e intensi, duranti i quali Celestini dovrà catechizzare i suoi e preparali a qualla che sarà una sfida da vincere a tutti i costi: Sabbatini (l’uruguaiano ha il contratto in scadenza, ma non rinnovarglielo sarebbe una follia!) e compagni, inoltre, in caso di arrivo a pari merito hanno la differenza reti nettamente migliore alle loro rivali. Ma come spesso accade, a speculare su questi dettagli, si rischia di fare anche peggio… certo che fare peggio di non battere mai lo Xamax in tutta la stagione è davvero dura!

Guarda anche 

Lugano, che succede? Troppo Zugo per l’Ambrì

LUGANO – È davvero complicato capire e analizzare il momento dell’HC Lugano. O forse, al contrario, è davvero molto semplice. I bianconeri, che ...
18.01.2021
Sport

Daprelà ancora lui: a Sion arriva il primo punto del 2021

SION – In attesa di Abubakar, al Lugano basta Daprelà. Così come era successo lo scorso ottobre a Cornaredo, così nella prima uscita stagione d...
18.01.2021
Sport

“Negli States tira aria pesante ma non mi faccio condizionare”

COLUMBUS (USA) - La National Hockey League (NHL), il campionato più duro e più bello al mondo, è ripartito nella notte di mercoledì scors...
19.01.2021
Sport

FC Lugano, dieci motivi per sperare nell’exploit

LUGANO - La pandemia non ha ucciso il calcio, ci mancherebbe! Ma ne ha attenuato l’intensità, il ritmo e le emozioni. Ci sono state le quarantene e i ca...
17.01.2021
Sport