Sport, 14 maggio 2019

GC nel caos: svastiche e ideologia nazista per l’ultras delle Cavallette

I caotici momenti vissuti a Lucerna domenica hanno messo in evidenza alcune lacune nell’impianto della sicurezza degli zurighesi: Stefan N., il leader della curva, era ben conosciuto dalla società

ZURIGO – Una retrocessione assolutamente meritata sul campo, al termine di una stagione inguardabile. Un sopruso subito dai propri tifosi, il secondo sull’arco dell’intero campionato, che ha fatto drizzare le orecchie non solo alla società ma anche alla polizia che ha deciso di aprire un’inchiesta: le brutte immagini di domenica, quando a Lucerna i tifosi del GC sono entrati in campo a pochi istanti dalla fine della sfida che ha sancito la retrocessione dopo 70 anni delle Cavallette, fanno ancora parlare.

Sì, perché gli ultras che hanno fatto invasione di campo in quel di Lucerna erano guidati da Stefan N., noto capo ultras neonazista: l’uomo calvo e tatuato non si è fatto impressionare neanche dalla presenza delle forze dell’ordine, entrando sul terreno da gioco e obbligando i giocatori del GC a togliersi maglie e pantaloncini perché non degni di indossarli.

Stefan N., aveva già partecipato ai disordini di Sion di marzo. Nonostante questo il club gli ha permesso di recarsi a Lucerna.

Stefan N, che ha una grossa svastica tatuata sul petto con tanto di scritta “Honor, Fidelity, Fatherland”, era già conosciuto anche dalla polizia per diversi avvenimenti avvenuti al di fuori dello stadio.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

VIDEO – A 14 anni lancia un appello a Mihajlovic: “Ho la leucemia, ti aspetto in ospedale e vinciamo assieme questa battaglia”

BOLOGNA (Italia) – “Da martedì sarò in ospedale, non vedo l’ora di cominciare, perché prima comincio e prima finisco”. Cos&ig...
16.07.2019
Sport

La battaglia di Morgarten, la battaglia che segnò la via dell'indipendenza della Svizzera

La battaglia di Morgarten è ancora considerata oggi una delle più importanti vittorie militari della confederazione. Sconfiggendo l'esercito austriaco l...
16.07.2019
Svizzera

L’Inter gioca a Lugano, Icardi gioca con i figli… Wanda si blocca nel lago di Como. Salvata dall’acqua

COMO (Italia) – Domenica si è chiusa la prima parte del ritiro estivo dell’Inter, quella vissuta a Lugano, tra Villa Sassa e Cornaredo, che ha avuto co...
16.07.2019
Sport