Svizzera, 13 maggio 2019

La riforma fiscale e l'AVS finiranno (probabilmente) al Tribunale federale

Un gruppo di oppositori alla riforma fiscale e al finanziamento dell'AVS in votazione il prossimo 19 maggio sono pronti a presentare ricorso in caso uscisse un "si" dalle urne. Basandosi su un documento dell'Ufficio di giustizia, invocano una violazione dell'unità di materia.

Con questo pacchetto, i cittadini hanno la possibilità di "approvare i due oggetti o rifiutarli insieme", ha detto domenica alla RTS l'avvocato Pierre Chiffelle, ex consigliere valdese socialista che rappresenta il Partito dei Lavoratori popolare (POP) vodese.

L'Ufficio federale di giustizia (UFG) ha riferito il 31 maggio 2018 ad una commissione del Consiglio degli Stati che i due oggetti riguardano aree differenti e che il "rapporto tra i due non è evidente”. Più avanti nel testo, aggiunge che collegare "le nuove norme sulla tassazione delle società con quelle sul finanziamento dell'AVS è, senza dubbio, un caso limite". È su questa posizione che si basa Pierre Chiffelle per spiegare il suo ricorso.

I fautori della riforma, da parte loro, potrebbero anch'essi fare affidamento
sul documento dell'UFG per difendere il loro punto di vista, come ha fatto il consigliere federale Ueli Maurer. "L'Ufficio federale di giustizia ha riscontrato che l'unità del soggetto non era pregiudicata", ha dichiarato il ministro delle finanze al momento del lancio del progetto nel febbraio 2019.

Il testo stabilisce che "l'idea di una compensazione sociale in relazione a un progetto di voto è (...) non estranea al Tribunale federale". E per sottolineare che "bisogna tenere conto del fatto che gli oggetti in votazione derivano dalla ricerca di compromessi politicamente fattibili e che questa specifica funzione del legislatore deve pesare sul bilancio". L'UFG conclude che un tale argomento "sarebbe generalmente difendibile".

In caso di un sì alla riforma fiscale e al finanziamento dell'AVS domenica, il ricorso dovrà essere presentato entro tre giorni dalla pubblicazione dei risultati nel foglio ufficiale del cantone. Il cantone in questione avrà poi 10 giorni per decidere, quindi i ricorrenti potranno nuovamente appellarsi al Tribunale federale, spiega sempre la RTS.

Guarda anche 

Se il dipendente lavora da casa il datore deve pagare parte dell'affitto

Il datore di lavoro che fa lavorare da casa un dipendente deve partecipare alle spese di affitto che quest'ultimo deve sostenere. È quanto ha deciso il Tribuna...
24.05.2020
Svizzera

Dopo 34 anni in Svizzera, espulso per abusi sessuali, maltrattamenti al figlio e debiti

Dopo 34 anni, un cittadino congolese dovrà lasciare la Svizzera per abusi sessuali, maltrattamenti, debiti e più in generale una scarsa integrazione nel nos...
15.05.2020
Svizzera

9 anni di carcere per un padre di famiglia che aveva abusato delle figlie

Il tribunale federale ha confermato la condanna a nove anni di detenzione a un padre di famiglia del canton Zurigo. L'uomo aveva abusato sessualmente e maltrattato cr...
14.05.2020
Svizzera

Lei non lavora, suo marito neppure. Ma può far venire la figlia dal Marocco

Il Tribunale federale ha ancora una volta annullato una decisione ticinese in materia di immigrazione. Le nostre autorità cantonali avevano negato l’autorizz...
09.05.2020
Svizzera