Svizzera, 08 maggio 2019

Presto l'abbonamento generale costerà più di 4'000 franchi?

Dopo anni senza un aumento dei prezzi generalizzato nel settore dei trasporti pubblici, i viaggiatori potrebbero subire un duro colpo nel 2021. Le aziende del settore stanno infatti prendendo in considerazione alzando gli abbonamenti generali dei prezzi e rimuovere le carte giornaliere a disposizione dei comuni.

Rispetto al resto dell'offerta di trasporto pubblico, il prezzo dell'abbonamento generale è relativamente basso, giudicano le FFS. Di conseguenza, il rapporto qualità-prezzo è troppo favorevole, è scritto in un documento interno ch-Direct, la comunità tariffaria che comprende 250 aziende di trasporto pubblico.

Pubblicato mercoledì dalla rivista "Beobachter", il documento datato 6 marzo è stato parzialmente consultato da Keystone-ATS e ripreso dai media svizzeri. La portavoce Ch-diretta Sabine Krähenbühl ha detto all'agenzia che si tratta solo di una "raccolta di idee". Un comitato direttivo con rappresentanti delle FFS, AutoPostale, BLS e altri vettori regionali ne discuterà presto. "Nulla è deciso formalmente", ha detto Krähenbühl.

L'abbonamento generale (AG) in particolare sembra essere nel mirino. Secondo il documento, potrebbe subire un rincaro del 10% a dicembre del 2021. Invece di 3860 franchi, costerebbe 4250 franchi all'anno in 2 ° classe.

Inoltre, gli studenti sopra i 25 anni che hanno beneficiato finora di una AG junior verrebbero privati ​​di questo sconto. L'aumento dei prezzi raggiungerebbe il 45% nel loro caso. Invece, tutti i 25enni otterrebbero uno sconto di 500 franchi passando dalla AG per minorenni alla AG degli adulti.

Un'altra misura menzionata, è la rimozione della possibilità di acquistare la AG per un massimo di 30 giorni, ad esempio durante le vacanze. Infine, l'abolizione della carta giornaliera dei comuni è anche in discussione durante il cambio di programma 2020.

In un comunicato, le FFS scrivono che si impegnano ad una stabilità delle tariffe, anche alla loro diminuzione. La società ricorda di aver ridotto i prezzi per quanto possibile, in particolare è stata sviluppata l'offerta di biglietti differenziati.

Guarda anche 

A Lugano i cittadini si sentono sicuri: i risultati del sondaggio LOSAI

Lugano è una città sicura. È – stando ai risultati del sondaggio LOSAI – quello che pensano i cittadini luganesi, intervistati in...
22.11.2019
Ticino

Lugano Airport, Borradori: "Mai arrendersi al disfattismo o alla caccia al colpevole"

Il sindaco di Lugano Marco Borradori torna sul tema aeroporto alla vigilia del dibattito in Consiglio comunale sulla ricapitalizzazione della LASA, società di cui ...
22.11.2019
Ticino

Italia, trema Di Maio. Il M5S pensa "al congelamento"

Tutti contro Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri e leader del Movimento 5 Stelle è stato “lasciato solo”, come da lui stesso annunciato nei giorni ...
22.11.2019
Mondo

Espulsa nel 2005, è ancora in Svizzera

Sarebbe dovuta tornare in Turchia già nel 2005, visto che la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma è ancora in Svizzera. Grazie a una lunga serie...
22.11.2019
Svizzera