Svizzera, 07 maggio 2019

Uscito dal carcere, un rifugiato membro di Al-Qaida chiede di non dover pagare 80 mila franchi di spese processuali a suo carico

Un cittadino curdo condannato nel maggio 2014 per sostegno a un'organizzazione terroristica e possessione di documenti falsi dovrà pagare le spese processuali a suo carico, che ammontano a 80'000 franchi. La sua richiesta di esenzione è stata respinta lunedì dal Tribunale penale federale.

L'uomo era stato condannato a una pena detentiva di 39 mesi, tolti i giorni trascorsi in detenzione preventiva. Appena scontata la pena, qualche mese fa, ha presentato una richiesta delle spese processuali a suo carico.

Nella sua decisione pubblicata lunedì, il Tribunale penale federale rileva che la situazione finanziaria del richiedente è migliorata dopo la sua condanna: lavora al 50% e riceve una mezza pensione AI. Anche sua moglie ha trovato un lavoro.

Secondo la corte, la coppia ha due figli e ne aspetta un terzo. Il tribunale ha calcolato che la famiglia dispone di una somma di circa 1000 franchi al mese, al netto delle spese.

Originario dell'Iraq, quest'uomo, entrato in Svizzera in qualità di richiedente l'asilo (la cui domanda d'asilo era poi stata approvata) aveva sostenuto la rete terroristica di al-Qaeda insieme a suo fratello. Su Internet, i due uomini hanno creato una struttura che include forum e "chat room", con cui diffondevano propaganda jihadista. Il fratello era stato condannato a due anni di prigione.

Guarda anche 

"Perchè le riserve delle casse malati vengono tenute nascoste?"

A quanto ammontano le riserve delle singole casse malati del 2019 e perchè il dato non è stato pubblicato? Se lo chiede il Consigliere nazionale Lorenzo Qua...
29.10.2020
Svizzera

Attentato a Nizza, almeno tre persone uccise fra cui una donna decapitata

Almeno tre persone sono state uccise, almeno una delle quali è stata decapitata, e diverse sono rimaste ferite giovedì mattina a Nizza, nel sud-est della Fr...
29.10.2020
Mondo

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, giovedì 29 ottobre, ...
29.10.2020
Ticino

Tra rinvii e porte chiuse l’hockey continua fino a dicembre

LUGANO - Prima delle restrizioni prese dal Consiglio federale ieri, che di fatto riportano il campionato di hockey a tornare a essere una competizione a porte chiuse, si ...
29.10.2020
Sport