Svizzera, 02 maggio 2019

L'adesivo "CH" vicino alle targhe potrebbe presto scomparire

Il Consiglio federale sta prendendo in considerazione la rimozione dell'obbligo di apporre un adesivo "CH" sul proprio veicolo, indipendentemente dall'iniziativa popolare lanciata a tale scopo. L'adesivo deve essere sostituito dall'incorporazione del segno "CH" sulle targhe dei veicoli, richiedono gli iniziativisti.

Una votazione sull'argomento non è comunque per domani, dato che la scadenza per la raccolta delle firme necessarie è stata fissata per il 5 settembre 2020. Considerando questo percorso sproporzionato, il Consigliere degli Stati Andrea Caroni (PLR / AR) ha messo interpellato il governo sul tema, chiedendo di esaminare se non fosse il caso di mettere in pratica anzitempo quanto richiesto dall'iniziativa.

L'adesivo svolge la sua funzione, è economico e facile da usare, ha risposto giovedì il Consiglio federale. Ma la Svizzera dovrà affrontare comunque la questione nel prossimo futuro. Nei cantoni densamente popolati infatti, la quantità di numeri che possono essere formati con sei cifre sarà esaurito nel prossimo futuro. Di conseguenza sarà necessario ripensare il formato delle targhe.

Il Consiglio federale esaminerà quindi la possibilità, tra le altre cose, di rimuovere l'adesivo in favore di un segno distintivo del paese sulla targa. Tuttavia, non esiste ancora un calendario vincolante per questa riforma.

Guarda anche 

Si butta nel fiume per sfuggire alla polizia

Un uomo sospettato di aver rapinato sabato un negozio di elettronica a Bremgarten, nel canton Argovia, è saltato nel fiume Reuss con il suo bottino per sfuggire al...
15.07.2019
Svizzera

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera

Il finto cuoco di Berlusconi è potuto rimanere due anni in Ticino senza avere il permesso

Il finto cuoco di Silvio Berlusconi non ha mai ricevuto alcun permesso per stabilirsi in Ticino. Nel 2017 aveva chiesto il rilascio del permesso B, ma questi gli era stat...
14.07.2019
Ticino

Cambiamenti climatici, quell'anno in cui l'estate in Svizzera non arrivò

Siamo nell'aprile del 1815, dall'altra parte del mondo, e più precisamente sull'isola indonesiana di Sumbawa. Il vulcano Tambora erutta. A metà ...
12.07.2019
Svizzera