Mondo, 01 maggio 2019

Joe Biden e la Cina, come i politici svendono la propria nazione in cambio di favori personali

Stanno entrando nel vivo le primarie del partito Democratico americano che decideranno chi sarà lo sfidante di Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2020. Fra gli ultimi ad essersi candidato, e per ora anche in vetta ai sondaggi, c'è Joe Biden, 77enne ex vicepresidente di Barack Obama. E fra i finanziatori della campagna di Biden ci sarebbe addirittura lo stesso governo cinese. Cina che, lo ricordiamo, è stata presa di mira da Trump per le sue pratiche commerciali, imponendo barriere spesso insormontabili ai paesi che vogliono importare in Cina e allo stesso tempo esportando miliardi di prodotti a basso costo nel resto del mondo. L'opposizione di Trump non viene condivisa dai democratici, i quali preferiscono il confronto con la Russia di Putin.

Domenica scorsa, il presentatore Steve Hilton dell'emittente Fox News Channel ha riferito di un'indagine del giornalista Peter Schweizer sui rapporti di affari della famiglia dell'ex vicepresidente americano Joe Biden con il governo cinese, concludendo che Biden era "compromesso da una potenza straniera e inadatto a essere presidente".

Hunter Biden - Il secondo figlio di Biden - ha assicurato un miliardo di dollari di finanziamento dalla Bank of China - un ramo del governo cinese - per una società di private equity fondata da lui stesso e Christopher Heinz, figliastro dell'ex segretario di stato dell'amministrazione Obama, John Kerry. Quella società di private equity si chiamava Bohai-Harvest RST (BHR).

Joe Biden "è la definizione stessa di un membro corrotto", sostiene Hilton, rifiutando il marketing di Joe Biden come "un uomo dei lavoratori". Ha pubblicato un profilo Biden in un segmento intitolato "Swamp Watch" (letteralmente "osservatorio della palude", dove palude è il termine che si utilizza negli USA per indicare l'insieme dei politici, lobbisti e funzionari corrotti) .

Stando a Hilton "con Joe Biden ... c'è una relazione molto più preoccupante con una potenza straniera, una che rappresenta una minaccia molto più grande per l'America della Russia - la Cina".

Hilton ha poi ricordato il viaggio di Joe Biden nel dicembre 2013 in Cina come vicepresidente, in compagnia del figlio Hunter:

"Nel dicembre 2013, l'allora vicepresidente Biden si era recato l'Air Force Two in un viaggio ufficiale in Asia, poiché le tensioni erano elevate nei territori disputati nel Mar Cinese orientale. A Biden si unì il figlio, Hunter, che stava mettendo in piedi una società di private equity insieme al suo socio in affari e amico, Chris Heinz, erede della fortuna della famiglia Heinz Ketchup e figliastro dell'allora segretario di stato John Kerry.

Joe Biden ha abbordato la controparte cinese con un tono morbido e amichevole, deludendo gli alleati nella zona, come il Giappone, che erano allarmati dalla crescente aggressività della Cina. Ma forse Joe aveva altri problemi oltre all'equilibrio globale del potere nella sua mente, problemi come gli affari di suo figlio.

La presenza di Hunter durante il viaggio era tutt'altro che casuale. Solo 10 giorni dopo, la sua compagnia, Rosemont Seneca, ha firmato un accordo esclusivo da 1 miliardo di dollari con la Bank of China di proprietà statale, creando un fondo di investimento chiamato Bohai Harvest, con denaro che proveniva dal governo cinese. Nelle parole di Peter Schweizer, che ha svelato per la prima volta questi conflitti di interesse nel suo libro 'Secret Empires', 'il governo cinese stava finanziando letteralmente un business che era in comproprietà insieme ai figli di due dei più potenti decision maker americani'. Questo è quello che significa essere 'compromesso da una potenza straniera'."


Hilton ha rilevato i valori e le origini di alcuni degli altri investimenti di BHR, tra cui "145'000 dollari da un oligarca del Kazhakistan, 1 milione di dollari da entità cinesi, 1,2 milioni da una misteriosa LLC legata a una banca svizzera coinvolta nel riciclaggio di denaro [e] 3,1 milioni di di dollari proveniente da oligarchi ucraini corrotti".

"Joe Biden ovviamente ama i suoi figli e farebbe qualsiasi cosa per loro", ha commentato Hilton. "Mi sento allo stesso modo con il mio. Ma quando sei il vice presidente, non puoi correre in giro a fare favori per i nemici americani per aiutare a fare soldi per tuo figlio".

Secondo Hilton: "Quando si è trattato di una scelta tra gli americani che lavorano e i suoi donatori, ha scelto i donatori. Quando si è trattato di una scelta tra americani che lavorano e la Cina, ha scelto la Cina. Potrebbe aver cominciato la sua carriera politica come membro della classe lavoratrice Scranton, in Pennsylvania, ma alla fine è diventato un fantoccio per Pechino, in Cina. "

"Joe Biden è 'Joe China', e non deve mai più essere autorizzato vicino alla Casa Bianca", ha concluso Hilton.

Schweizer in precedenza ha descritto il suddetto accordo come un'illustrazione di ciò che definisce "la nuova corruzione", in cui i governi stranieri usano la propria influenza politica facendo accordi amichevoli con i figli di politici americani e occidentali.

Se le rivelazioni di Hilton potranno danneggiare Biden e influire sull'andamento delle primarie e delle elezioni americane rimane da vedere, con un erratico mondo mediatico statunitense (e occidentale in generale) che fino all'altro giorno era ancora completamente focalizzato su inesistenti e fantasiose teorie di una collusione tra il governo russo e Donald Trump e il suo entourage. D'altra parte la stessa sfidante di Trump nel 2016, Hillary Clinton, era rimasta azzoppata per uno scandalo simile, quando migliaia di sue email personali erano state pubblicate da Wikileaks ed erano emersi vicende simili di corruzione.

Guarda anche 

Aveva ucciso un controllore di volo a Basilea, 10 anni dopo lo trovano su un sito di incontri cinese

Un cittadino francese di 45 anni sospettato di aver accoltellato a morte un suo collega il 27 aprile 2011 all'aeroporto di Basilea-Mulhouse è stato trovato su ...
28.10.2021
Svizzera

Casa di appuntamenti regala 30€… a chi si vaccina

VIENNA (Austria) – Da una parte la voglia di recuperare i clienti della casa di appuntamenti. Dall’altra la necessità di dare una spinta alla campagna ...
14.10.2021
Magazine

"Chi voleva si è fatto vaccinare, gli altri non ne vogliono sapere"

Come risaputo, per la Confederazione il tasso di vaccinazione contro il covid-19 è ancora troppo basso e per questo ha presentato una serie di misure per rilanciar...
11.10.2021
Svizzera

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è dimesso

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è dimesso sabato sera dopo essere stato coinvolto in uno scandalo di corruzione in cui era accusato di aver manipolato d...
09.10.2021
Mondo