Mondo, 29 aprile 2019

Elezioni in Spagna, vince la sinistra ma non c'è maggioranza. Boom dei nazionalisti

I risultati delle elezioni nazionali in Spagna rispecchiano sostanzialmente le previsioni della vigilia: vittoria del PSOE, tracollo del partito popolare e entrata fragorosa in parlamento del partito nazionalista Vox.

Il PSOE raccoglie il 28,7% dei voti, il PP il 16,7%, Ciudadanos il 15,9%, Podemos 14,3%, Vox 10,3% e gli altri partiti raccolgono insieme il 10,1%. In Catalogna perde il partito dell’esule Carles Puigdemont, che sotto sotto si augurava una vittoria della destra, nella speranza di rompere con Madrid. Vincono i repubblicani di sinistra dell’Erc il cui leader Oriol Junqueras è in galera, dove in mancanza di un accordo politico, indulto compreso, rischia di passare il resto dei suoi giorni.





Confermato quindi il fatto che tutti saranno costretti a trovare un'alleanza per governare la Spagna. Ma nessuna coalizione, come si può vedere nell'immagine sotto, raggiunge i 176 seggi. Il Partito socialista, pur con una maggioranza netta rispetto al Partito popolare, dovrà per forza di cose ricomporre una coalizione che già si è dimostrata molto fragile e che ha costretto Sanchez a lasciare l'incarico e a indire elezioni anticipate. Da notare che, a causa di un sistema di voto definito metodo D'Hondt, i partiti più grandi vengono premiati maggiormente rispetto a quelli più piccoli in termini di seggi. È Per questo che anche se in termini percentuali Vox ha un terzo dei voti del PSOE, i seggi raccolti dai nazionalisti sono "solo" 24 rispetto ai 176 dei socialisti.

Quello che appare chiaro è che Sanchez, per governare, potrebbe avere bisogno del voto degli indipendentisti. Movimenti estremamente eterogenei e con vedute molto radicali che avrebbero di fatto il controllo sul futuro dell'esecutivo. Il peso degli indipendentisti catalani (e soprattutto quello più radicali di Erc) potrebbe quindi risultare decisivo.  

Guarda anche 

Elezioni in Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Il presidente uscente Emmanuel Macron si è ampiamente qualificato per il secondo turno delle elezioni presidenziali di domenica, con un punteggio dal 27,6% al 2...
11.04.2022
Mondo

Zemmour e i sondaggi: qualcosa non quadra

Fra poche ore si saprà chi sarà lo sfidante di Macron alle elezioni del 24 aprile per la presidenza della Francia. Tutta la stampa francese e internazionale...
10.04.2022
Opinioni

Incertezza alla vigilia delle elezioni presidenziali in Francia

Quando manca un giorno al primo turno delle elezioni presidenziali in Francia, i sondaggi danno un testa a testa tra il presidente in carica Emmanuel Macron e la sua r...
09.04.2022
Mondo

Elezioni in Ungheria, il Fidesz di Viktor Orban verso una nuova vittoria

ll premier ungherese Viktor Orban ha rivendicato una "vittoria eccezionale" nelle elezioni generali in Ungheria. "Ho ottenuto un mandato per governare a...
04.04.2022
Mondo