Mondo, 29 aprile 2019

Elezioni in Spagna, vince la sinistra ma non c'è maggioranza. Boom dei nazionalisti

I risultati delle elezioni nazionali in Spagna rispecchiano sostanzialmente le previsioni della vigilia: vittoria del PSOE, tracollo del partito popolare e entrata fragorosa in parlamento del partito nazionalista Vox.

Il PSOE raccoglie il 28,7% dei voti, il PP il 16,7%, Ciudadanos il 15,9%, Podemos 14,3%, Vox 10,3% e gli altri partiti raccolgono insieme il 10,1%. In Catalogna perde il partito dell’esule Carles Puigdemont, che sotto sotto si augurava una vittoria della destra, nella speranza di rompere con Madrid. Vincono i repubblicani di sinistra dell’Erc il cui leader Oriol Junqueras è in galera, dove in mancanza di un accordo politico, indulto compreso, rischia di passare il resto dei suoi giorni.





Confermato quindi il fatto che tutti saranno costretti a trovare un'alleanza per governare la Spagna. Ma nessuna coalizione, come si può vedere nell'immagine sotto, raggiunge i 176 seggi. Il Partito socialista, pur con una maggioranza netta rispetto al Partito popolare, dovrà per forza di cose ricomporre una coalizione che già si è dimostrata molto fragile e che ha costretto Sanchez a lasciare l'incarico e a indire elezioni anticipate. Da notare che, a causa di un sistema di voto definito metodo D'Hondt, i partiti più grandi vengono premiati maggiormente rispetto a quelli più piccoli in termini di seggi. È Per questo che anche se in termini percentuali Vox ha un terzo dei voti del PSOE, i seggi raccolti dai nazionalisti sono "solo" 24 rispetto ai 176 dei socialisti.

Quello che appare chiaro è che Sanchez, per governare, potrebbe avere bisogno del voto degli indipendentisti. Movimenti estremamente eterogenei e con vedute molto radicali che avrebbero di fatto il controllo sul futuro dell'esecutivo. Il peso degli indipendentisti catalani (e soprattutto quello più radicali di Erc) potrebbe quindi risultare decisivo.  

Guarda anche 

Elezioni a Basilea-Città, continua l'avanzata dei partiti ambientalisti

Le elezioni cantonali di Basilea-Città hanno visto tre dei cinque candidati uscenti al Consiglio di Stato riconfermati mentre al Gran Consiglio prosegue la cosidde...
26.10.2020
Svizzera

Che cosa ci dice il voto di 27 milioni di americani

Contrariamente a quanto accade in molti paesi europei, alle elezioni presidenziali americane è possibile esprimere con anticipo la propria preferenza ris...
22.10.2020
Mondo

Elezioni in Argovia, la nuova presidenza PS inizia con una sconfitta mentre avanzano gli ecologisti

Quarto cantone più popoloso della Svizzera, le elezioni cantonali del canton Argovia fungevano quale sorta di test per la nuova doppia presidenza del PS, rappresen...
19.10.2020
Svizzera

"Gli americani hanno bisogno di una guida sicura e affidabile”

Per capire l’ aria che tira negli Stati Uniti alla vigilia delle elezioni presidenziali (Trump vs Biden) Mattino della Domenica ha sentito un giovane imprenditore t...
19.10.2020
Mondo