Svizzera, 25 aprile 2019

Il Partito socialista chiede soldi a Roberta Pantani per... sconfiggerla alle elezioni

Le finanze del Partito Socialista Svizzero non sono probabilmente al meglio se il suo presidente, Christian Levrat, cerca fondi addirittura tra i suoi oppositori. È quello che è successo alla Consigliere nazionale Roberta Pantani, uno dei destinatari di una missiva di Levrat in cui si chiede “un prezioso sostegno” per aiutare il PS a conquistare qualche seggio in più in occasione delle elezioni federali di ottobre. Il fatto fa ancora più sorridere se si pensa che, nella lettera, Levrat chiede aiuto per “rovesciare la maggioranza di destra in parlamento”, maggioranza di cui la stessa Pantani, eletta nei ranghi della Lega, fa parte.

Contattata dal Mattinonline, l'esponente leghista non ha idea di perchè la lettera sia stata mandata anche a lei, nonostante le evidenti scarse probabilità che Pantani offra un aiuto ai socialisti. "Non ho idea del perché la lettera sia arrivata a me" - ci risponde la municipale di Chiasso- "ma temo che chi gestisce gli indirizzari del PS non abbia sotto controllo la situazione". E cosa ha pensato Pantani quando ha visto la lettera? "La mia reazione è stata davvero quella di ilarità: mi fa ridere il pensiero che un partito svizzero, così strutturato e così organizzato, sia riuscito a scivolare su una buccia di banana grande come una casa".

A scanso di equivoci, la parlamentare momò ci tiene comunque a rassicurare i suoi sostenitori leghisti che non verserà nemmeno un franco al partito di Levrat. "Per il resto, non ho dubbi, non ho nessuna intenzione di fare una donazione alla sinistra, anche perché il loro obiettivo (è scritto nero su bianco sulla lettera!) è quello di conquistare i seggi che ora sono a destra e – guarda caso! – uno di quelli potrebbe essere il mio…"

Il messaggio di Pantani ha provocato non poca ilarità tra gli utenti di Facebook, i quali hanno a loro commentato la singolare richiesta di Levrat, chi divertito per il “coraggio” dei socialisti che chiedono soldi ai propri avversari e chi invece la prende più sul serio e condanna l'assenza di vergogna di Levrat. Fra quest'ultimi vi è Philippe Bouvet, per cui, dietro agli slogan, il PS “vuole vincere le elezioni per 1) aderire all'UE 2) affossare la nostra identità nazionale 3) asservire l'UE 4) disarmare la popolazione 5) svendere la nostra sovranità e neutralità”. Tutti atti, sempre secondo Bouvet, che equivalgono a “alto tradimento” e quindi “facciamo a meno di questo partito politico che NON difende in alcun modo gli interessi dei cittadini Svizzeri”.

Guarda anche 

A Lugano i cittadini si sentono sicuri: i risultati del sondaggio LOSAI

Lugano è una città sicura. È – stando ai risultati del sondaggio LOSAI – quello che pensano i cittadini luganesi, intervistati in...
22.11.2019
Ticino

Lugano Airport, Borradori: "Mai arrendersi al disfattismo o alla caccia al colpevole"

Il sindaco di Lugano Marco Borradori torna sul tema aeroporto alla vigilia del dibattito in Consiglio comunale sulla ricapitalizzazione della LASA, società di cui ...
22.11.2019
Ticino

Italia, trema Di Maio. Il M5S pensa "al congelamento"

Tutti contro Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri e leader del Movimento 5 Stelle è stato “lasciato solo”, come da lui stesso annunciato nei giorni ...
22.11.2019
Mondo

Espulsa nel 2005, è ancora in Svizzera

Sarebbe dovuta tornare in Turchia già nel 2005, visto che la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma è ancora in Svizzera. Grazie a una lunga serie...
22.11.2019
Svizzera