Svizzera, 18 aprile 2019

Uccise un portoghese per un portatile, 3,5 anni di carcere e espulsione. Il complice potrebbe scamparla per aver assunto farmaci

Il tribunale penale di Basilea-Città ha condannato giovedì un cittadino spagnolo a 3,5 anni di carcere commutato in misura stazionaria per aver partecipato al pestaggio di un portoghese la scorsa estate, per rubargli il computer portatile. È stata invece richiesta una perizia per un secondo aggressore. Lo riferisce la "Basler Zeitung".

Il diciannovenne spagnolo è stato condannato per gravi lesioni corporali. Il pubblico ministero aveva richiesto sei anni di prigione mentre la difesa chiedeva una pena sospesa per dieci mesi. È stato anche decisa un'espulsione di otto anni dalla Svizzera.

L'altro accusato, uno sloveno di 29 anni, è stato condannato per omicidio. È considerato il principale autore dei fatti. Ma una perizia è stata ordinata per stabilire fino a che punto i farmaci assunti dall'uomo hanno influito sulla sua responsabilità. I risultati dei test sono previsti per quattro mesi. Sarà quindi processato nuovamente.

L'avvocato del 29enne aveva chiesto l'assoluzione perché il suo cliente era sotto l'influenza di un cocktail di potenti farmaci, incluso il testosterone. L'ufficio del pubblico ministero aveva invece richiesto dodici anni di prigione contro di lui.

Guarda anche 

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

Centinaia di clandestini occupano l'aeroporto di Parigi (VIDEO)

Centinaia di migranti clandestini hanno fatto irruzione domenica 19 maggio verso le 13:40 nel terminal 2 dell'aeroporto di Parigi Roissy Charles de Gaulle. L'occu...
20.05.2019
Mondo

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera

Si presenta all'incontro a luci rosse con la figlia di 3 anni, ma ad aspettarlo c'è la polizia

La polizia cantonale di Zurigo ha arrestato un uomo di 44 anni per sospetti atti di pedofilia. L'uomo, residente nel canton Argovia, è sospettato, tra le altre...
20.05.2019
Svizzera