Opinioni, 18 marzo 2019

Andrea Censi - Nessun fallimento del Casinò di Campione? Ridateci la disoccupazione prelevata illegalmente!

È notizia di questa settimana che la sentenza dei tribunali italiani invalida il fallimento della casa da gioco sulle rive del Ceresio. Ricordare quanto è successo però prima è doveroso: quando i dipendenti campionesi del Casinò hanno smesso di percepire lo stipendio, il contribuente svizzero ha iniziato a pagare le prestazioni di disoccupazione ai residenti italiani in Ticino da luglio 2018 (sebbene non abbiano mai pagato un contributo), prima ancora del reale licenziamento avvenuto nel 2019 (opera molto umana decisa dalla politica ma pur sempre con i soldi del contribuente); inoltre gli ex-dipendenti del Casinò hanno percepito la disoccupazione svizzera calcolata nella misura dell’80% del loro stipendio contrattuale, sebbene il loro stipendio reale da mesi era stato drasticamente diminuito quando ormai la contabilità della società versava in condizioni irreparabili (ma va bene anche questo, siamo sempre stati di manica larga…con gli altri); non bastasse da oltre 10 anni Comuni e Cantone non ricevono nemmeno più le quote d’imposta forfettaria per i cittadini campionesi residenti in Ticino. Dopo questa necessaria cronistoria, in seguito agli sviluppi riguardanti il non-fallimento del Casinò di Campione, una domanda sorge spontanea: se è vero che la società non è fallita, anche i licenziamenti non sono validi (nella vicina penisola non è così facile lasciare a casa un dipendente), il che significa che il solito contribuente svizzero è stato gabbato 2 volte. Caro Consigliere Federale e Ministro degli Esteri, il contribuente ticinese è stufo di regalare soldi, prima di occuparsi della campagna elettorale del suo partito i ticinesi le fanno una rivendicazione: vogliamo indietro le prestazioni di disoccupazione pagate senza base legale e vogliamo che Roma, Campione, la Regione o chi per esso rimborsi tutti i debiti milionari che l’enclave ha accumulato nei confronti dei Comuni ticinesi e del Cantone.

Andrea Censi
Consigliere comunale di Lugano
Candidato al Gran Consiglio, Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Anche a porte chiuse il Casinò Lugano non si ferma.... si passa online!

L’11 marzo il Casinò ha chiuso le sue porte prima per lo “stato di necessità” stabilito dal Canton Ticino e poi per la “situa...
30.03.2020
Ticino

"Ufficio federale di giustizia, vergogna!"

La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, deplora la decisione dell'Ufficio federale di giustizia di dichiarare "contraria al diritto federale&q...
23.03.2020
Ticino

La Lega di Lugano chiede la chiusura delle scuole comunali

Vista la situazione attuale in Italia, dove gli spostamenti all'interno del paese sono stati fortemente limitati, la sezione luganese della Lega dei Ticinesi in un co...
11.03.2020
Ticino

Playoff e playout: tutti in attesa del Consiglio federale. Si deciderà venerdì

BERNA – La riunione di questa mattina tra le squadre della Lega Nazionale e la Lega Svizzera di hockey era molto attesa per capire cosa ne sarebbe stato della post ...
10.03.2020
Sport