Mondo, 04 marzo 2019

La bambola "momo" è stata distrutta dal suo creatore

L'artista giapponese che aveva creato la bambola spaventosa poi ripresa dai social network per il "Momo Challenge", una sfida dagli esiti talvolta letali, ha detto lunedì all'AFP che la bambola è stata distrutta l'anno scorso, aggiungendo di non voler danneggiare nessuno con la sua creazione.

La bambola, un metro di altezza con occhi sporgenti, volto scarno e capelli stopposi, è stato ispirato da un fantasma giapponese di nome "ubume" che rappresenta una donna che muore di parto, dice Keisuke Aiso, manager di una società specializzata negli accessori della serie TV Link Factory.

La sua versione originale è stata distrutta l'anno scorso a causa del suo stato di degrado, e non per l'uso nella "Momo Challenge", stando al suo creatore. "Doveva spaventare la gente, quello sì, ma non ferire nessuno", disse comunque.

La bambola era stata presentata per la prima volta nel 2016 in una mostra a Ginza, il quartiere di lusso di Tokyo, ma allora non aveva suscitato particolare interesse. Fino all'avvengo della “Momo challenge” la bambola era solo una delle tante bambole a tema fantasma di Keisuke Aiso.

Accessibile su instant messenger o su Youtube, la "Momo challenge" incoraggia i partecipanti, minacciandoli, a commettere atti pericolosi che possono arrivare fino alla morte.

Come in Francia, dove un padre ha incolpato la sfida via internet dopo aver perso il figlio alla fine del 2018, trovato appeso con la sua cintura kimono nella sua stanza. Secondo la sua famiglia, era rimasto impigliato nella rete del "Momo Challenge".

"Sarei stato felice se questo tipo di sfida non fosse mai esistito", ha assicurato Keisuke Aiso.

Guarda anche 

Una app giapponese che “traduce” le emozioni delle donne finisce nel mirino delle critiche

Un'app giapponese che pretende di aiutare i mariti a "tradurre" il comportamento delle loro mogli ha scatenato una valanga di commenti indignati nel paese d...
28.02.2019
Mondo

Iniesta choc: “Ho sofferto di depressione e Mourinho portava odio”

KOBE (Giappone) – Dopo aver dipinto calcio, dopo aver dominato la scena sia in Europa che nel mondo, Andres Iniesta ha deciso di dire basta al calcio giocato. Ha de...
27.11.2018
Sport

Il Giappone ha eseguito la condanna a morte di Shoko Asahara

Venerdì in Giappone è stata eseguita la condanna a morte di Shoko Asahara, il leader della setta apocalittica che organizzò un attentato nella met...
08.07.2018
Mondo

Belgio da impazzire: Chadli lancia in orbita i Diavoli Rossi a 17” dal supplementare

ROSTOV (Russia) – È forse stato l’ottavo di finale più bello visto fin qui, è stata sicuramente la partita più folle ed emozionant...
02.07.2018
Sport