Svizzera, 04 marzo 2019

Una App per preparare i giovani al servizio militare

Prima di iniziare il servizio militare, i giovani svizzeri ora possono prepararsi fisicamente e mentalmente con una nuova app. L'obiettivo è che i militi si infortunino di meno e abbandonino la scuola reclute meno spesso.

La nuova app si chiama #teamarmee ed è rivolta principalmente a giovani uomini e donne di età compresa tra i 14 e i 18 anni che desiderano prepararsi fisicamente e mentalmente alla scuola reclute. L'applicazione è stata sviluppata dall'esercito e l'Ufficio federale dello sport (UFSPO), ha detto lunedi il Dipartimento della Difesa, Protezione della popolazione e dello sport (DDPS).

I corsi di formazione disponibili nell'applicazione sono stati sviluppati da specialisti dell'Università Federale dello Sport di Macolin (HEFSM). L'applicazione contiene anche consigli sulla preparazione mentale.

L'app è costata 600'000 franchi e sono necessari 50'000 franchi in più all'anno per il suo mantenimento. Per il primo anno, l'esercito ha fissato l'obiettivo di 200'000 scaricamenti. L'applicazione è disponibile in tedesco, francese e italiano.

Nella app, fra le altre cose, gli utenti possono selezionare un ruolo a loro scelta, come carrista o paradutista, per adattare il proprio programma. Questa applicazione non è solo per i futuri militari; può anche essere scaricato e utilizzato da chi non svolgerà o ha già svolto il proprio servizio.

Guarda anche 

Per Cassis la Svizzera non è una priorità: grazie PLR!

“Non mi sentirete mai dire Switzerland first”. Chi ha pronunciato questa frase? Il manager straniero di una multinazionale? Un soldatino o una soldatina del P...
05.08.2019
Svizzera

Cassis: "Da me non sentirete mai dire che la Svizzera viene per prima"

"Da me non sentirete mai dire Switzerland First": lo afferma il consigliere federale Ignazio Cassis in un intervista pubblicata domenica dal SonntagsBlick, seco...
05.08.2019
Svizzera

Il marito della "zingaraccia" che ha minacciato Salvini: "Ho rubato sì, ma agli svizzeri"

"A Salvini andrebbe tirato un proiettile in testa" è il proposito poco amichevole, ripreso da "Il Giornale", di una zingara residente in Italia...
04.08.2019
Mondo

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport