Svizzera, 26 febbraio 2019

Nonnismo su una recluta ticinese a Emmen, per la giustizia militare è non luogo a procedere

Non luogo a procedere. È questa la decisione del giudice istruttore militare sulla procedura d’inchiesta che coinvolgeva due sottoufficiali dell’Esercito, accusati di aver lanciato lo scorso settembre degli oggetti rotondi (poi rivelatosi essere noci) ai danni di una recluta ticinese.

Il portavoce dell’Esercito ha spiegato a Ticinonews che, dopo aver appurato che tutte le parti in causa erano d’accordo sul “gioco” e dopo l’analisi delle prove, ci sono gli estremi per dare seguito alla procedura.

Contattato dalla RSI, il padre delle recluta ticinese si è detto “soddisfatto perché l’Esercito ha dovuto applicare l’esercizio della trasparenza”.

Guarda anche 

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera

Si presenta all'incontro a luci rosse con la figlia di 3 anni, ma ad aspettarlo c'è la polizia

La polizia cantonale di Zurigo ha arrestato un uomo di 44 anni per sospetti atti di pedofilia. L'uomo, residente nel canton Argovia, è sospettato, tra le altre...
20.05.2019
Svizzera

Manipolano un accendifuoco, tre ragazzi rimangono gravemente ustionati

Tre ragazzi sono rimasti gravemente feriti sabato a Wädenswil (ZH) mentre gestivano un accendifuoco. Soffrono di ustioni, ha detto la polizia di Zurigo la sera, cita...
20.05.2019
Svizzera