Sport, 26 febbraio 2019

Chiamata senza ritorno: se non volete sognarvi i playoff…

Lugano e Ambrì sono attesi da due trasferte delicate e fondamentali: tornare senza punti da Friborgo e Losanna significherebbe molto probabilmente alzare bandiera bianca

FRIBORGO/LOSANNA – Chiamatele “partite da 6 punti”, definitele “sfide fondamentali” o “sfide senza un domani”: a 4 giornate dalla fine, con una classifica così corta, qualsiasi match conta più di ogni altro e quindi anche attaccarsi alla retorica è consentito. Per non attaccarsi al… treno dei playout e per restare aggrappato a quello che parte verso i playoff, Lugano e Ambrì questa sera non possono e non devono tremare. Altrimenti il rischio di gettare alle ortiche un’intera stagione sarebbe dietro l’angolo.

I primi a non meritarsi una situazione del genere sarebbero i tifosi, quelli veri, quelli che ci mettono il cuore, quelli delle Curve soprattutto che, se a Lugano sono rimasti vicino alla squadra anche nei momenti più cupi, criticando società e dirigenza, senza mai mollare, ad Ambrì hanno volato sulle ali dell’entusiasmo alla pari di Kubalik e compagni facendo sempre sentire il proprio supporto e apporto.

Non lo meriterebbero neanche i giocatori di entrambe le compagini che tra alti e bassi, difficilmente possiamo immaginare che non si siano impegnati sempre al 100%. Certo il rendimento, specie in casa bianconera, non è stato sempre sublime (soprattutto quando si parla di stranieri, visto che sono stati gli svizzeri “a tirare la carretta”), ma a 4 giornate dalla fine della regular season forse conviene lavorare di nervi, di pancia, di istinto, senza mai mettere da parte la testa.

Il Lugano a Friborgo ha sicuramente il match più delicato perché trattasi di uno scontro diretto, e visto come sono andati gli ultimi scontri fondamentali, dalle parti della Cornèr Arena sono autorizzati a compiere riti propiziatori, a toccare ferro e a fare tutti gli scongiuri del caso. Certo che se Merzlikins non dovesse farcela (si parla di un problema muscolare per lui), le cose potrebbero davvero farsi complicate.

Dalla sua parte l’Ambrì a Losanna ha bisogno di ritrovare quel successo e quel sorriso perso nello scorso weekend. Un fine settimana nero che ha risucchiato Bianchi e compagni nella lotta per i playoff: a poche partite dal termine non ti puoi davvero concedere uno 0 alla casella punti, specie quest’anno quando sicuramente si segnerà il record di punti necessari per accedere alla post season che conta.

E allora? Allora conviene respirare, bene, profondamente, conservando le energie e concentrandole sulle partite di questa sera, perché due vittorie ticinesi ci avvicinerebbero a uno scenario (due ticinesi ai playoff) che manca da tanto tempo… due sconfitte rischierebbero di portarci indietro nel tempo fino al 2011. E sarebbe uno scenario di cui faremo volentieri a meno…

Guarda anche 

Pronti, partenza… via: il treno del Lugano è pronto a mettersi in moto

ZURIGO – Un po’ tutti abbiamo negli occhi la splendida, intensa e travagliata cavalcata che lo scorso anno permise al Lugano di conquistare la terza piazza in...
21.07.2019
Sport

Tra mare e vacanze, Merzlikins presenta la sua nuova maschera

IBIZA (Spagna) – Sole, mare e hockey. In attesa di trasferirsi a Columbus, per Elvis Merzlikins è tempo di godersi le vacanze: l’ex portiere del Lugano...
19.07.2019
Sport

È arrivato Spooner, ma l’addio di Lapierre spacca in due la tifoseria

LUGANO – Sono trascorsi solo pochi giorni dall’annuncio dell’addio di Maxim Lapierre al Lugano e il club bianconero ha subito risposto presente, mettend...
18.07.2019
Sport

Baumann-Rodriguez: il Lugano può davvero sorridere

LUGANO – Mancanza di cattiveria, questo ha sottolineato domenica a fine partita Fabio Celestini. Gambe pesanti, ma fiducia in vista di Zurigo: questa è stata...
16.07.2019
Sport