Opinioni, 25 febbraio 2019

TICINESI IN ASSISTENZA

Oltre 8'000 e in continuo aumento, ma tutto va bene….

Cantone e Confederazione continuano a smorzare gli animi citando i dati della SECO che sistematicamente registrano una riduzione del tasso di disoccupazione, cercando di propinare ai cittadini una visione distorta del tessuto sociale. La realtà è ben diversa e i ticinesi non sono così boccaloni, soprattutto coloro che un impiego non ce l’hanno e non lo trovano. Se i disoccupati diminuiscono, l’assistenza aumenta, questa è purtroppo la realtà; è come togliersi la scarpa dal piede sinistro per metterla sul piede destro, autocongratulandosi di aver risolto il problema ma senza dire d’averne creato uno nuovo, perché un piede rimarrà comunque scalzo.
 
Secondo i dati SECO, i senza lavoro in Ticino si attestano al 2,5%, ma se si aggiungono quelli che non hanno più diritto a percepire la disoccupazione e che in parte sono entrati in assistenza, ecco che la percentuale sale a oltre il 7% (dati ILO), un tasso di disoccupazione superiore a quello della Lombardia (5,4%).
 
È ora che la politica smetta di raccontare frottole ai cittadini, il mercato del lavoro è in crisi e non migliora, anzi, peggiora. Il numero di lavoratori frontalieri aumenta, la disoccupazione aumenta, il salario medio diminuisce, il costo della vita aumenta e i partiti borghesi, a braccetto con la sinistra, continuano a ostruire ogni iniziativa della Lega che mira a difendere i lavoratori residenti (preferenza indigena), non rispettando il volere popolare più volte espresso alle urne.
I Ticinesi avranno a breve due occasioni per farsi valere e per far valere le loro posizioni: una è la votazione federale che chiede di abolire la libera circolazione, mentre l’altra, più imminente, sono le elezioni Cantonali di aprile dove potranno ripagare con la stessa moneta gli schieramenti politici che durante questa legislatura hanno fatto di tutto fuorché i loro interessi.
 
 
Casalini Daniele, Lega dei Ticinesi
Deputato in Gran Consiglio
 
Candidato in Gran Consiglio
Lista 14
Candidato N. 31
 

Guarda anche 

Mattia Melera - Nuova legge UE sulle armi, no grazie

La modifica della legge sulle armi proposta da Bruxelles (e voluta da Berna) sarà oggetto di votazione il prossimo 19 ...
16.05.2019
Opinioni

“Se si chiede scusa, bisogna avere il diritto di porre rimedio”

Non si placano le polemiche per l’episodio avvenuto qualche giorno fa durante la trasmissione tv “Politicamente scorretto”. La scelta di far indicare...
16.05.2019
Opinioni

Semafori SI – semafori No: ecco il dilemma. Appello alla popolazione ticinese per un sì di solidarietà.

*Di Giorgio Pellanda Come primo firmatario della mozione a favore del credito governativo che ha raccolto l’adesione della maggioranza qualificata del Gran Consi...
15.05.2019
Opinioni

Tonini: "Stop alle colonne sul Piano di Magadino"

*Opinione dal Mattino della Domenica  Che occorra il collegamento veloce A2-A13 siamo tutti d’accoro, come pure sulla necessità di potenziare e migli...
14.05.2019
Opinioni