Svizzera, 21 febbraio 2019

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un dito fratturato, delle escoriazioni e delle commozioni cerebrali.

Denunciati e identificati, il gruppo di francesi se la sono tutti cavata con una multa, con l'eccezione di due di loro, recidivi, che sono stati condannati a 30 giorni di prigione da espiare. Unico problema: la Francia non concede l'estradizione dei suoi cittadini. Ancora più curioso, fra i condannati vi è anche uno svizzero venuto in soccorso dei due malcapitati. Al contrario dei francesi però, la sua condanna, cinque aliquote da 100 franchi, è sospesa.

I fatti risalgono al 30 giugno e sono avvenuti nei pressi della piscina di Dèlemont, capoluogo del canton Giura. In piena estate, il lido della città aveva registrato un pienone., compreso diversi francesi, in particolare giovanissimi, che cercavano sollievo nelle piscine svizzere perchè diffidati dall'entrare negli impianti francesi.

Fra questi anche i dieci menzionati sopra, tutti tra i 16 e i 22 anni, che hanno aggredito un padre e suo figlio durante una partita di calcio. “Questa banda cercava evidentemente di provocare una rissa” ha affermato il procuratore, in riferimento al gruppo di francesi. Implicato oltre ai dieci e al padre con suo figlio, un altro giurassiano che era venuto in soccorso dei due, il quale, come detto, è stato condannato a sua volta per aggressione.

Il fenomeno di francesi violenti che cercano “rifugio” in Svizzera non è nuovo secondo un commissario interpellato da il “Quotidien Jurassien”, che riferisce della vicenda. “Sono giovani problematici, non rispettano le regole, bevono alcol, fumano erba, ogni tanto spacciano. Vengono qui in Svizzera perchè sono già diffidati dalle piscine francesi”.

“Perlopiù questi sono magrebini. Spesso fanno parte di bande criminali, e al di là del confine, con i regolamenti di conti si rischia grosso. È un'altra realtà rispetto alla Svizzera” si confida il poliziotto.

Guarda anche 

Danneggiamenti nel Gambarogno: arrestate due persone

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che il 17.05.2019 sono stati arrestati un 35enne cittadino svizzero e una 35enne cittadina italiana entrambi resid...
21.05.2019
Ticino

Direttore delle scuole elementari di Arbedo a processo per favoreggiamento

ARBEBO – Avrebbe informato un docente prima degli inquirenti dopo aver parlato con la madre di un allievo che ne denunciava i comportamenti. Per questo motivo &ndas...
21.05.2019
Ticino

Vergogna a Lecce: aggressione ai militanti della Lega. Ferita una ragazzina. "Questa non è politica"

Un'aggressione nei confronti di alcuni esponenti della Lega, tra cui il coordinatore cittadino Mario Spagnolo, si è verificata in tarda mattinata in piazza San...
21.05.2019
Mondo

Cornaredo si rifà il look: il futuro è sintetico

Sarà in erba sintetica il futuro del polo sportivo e degli eventi di Cornaredo. Come anticipato dal Corriere del Ticino, la Città di Lugano opterà pe...
21.05.2019
Ticino