Mondo, 18 febbraio 2019

Nigeriani in rivolta a Ferrara, minacce alle forze dell'ordine: "Farete una brutta fine". Salvini: "Roba da matti"

"Se il ragazzo è morto, domani succederà la guerra". È questo il messaggio lanciato da un gruppo di nigeriani alle forze dell'ordine di Ferrara, che poco prima delle 21 di ieri hanno investito un immigrato in via Po, nella famigerata zona Gad in mano agli spacciatori africani.

Scene di guerriglia urbana nella città romagnola con decine di cassonetti della spazzaturra rovesciati in strada dopo che si è sparta la voce che l'immigrato investito fosse morto. Notizia prontamente smentita dalle autorità, ma i disordini non si sono fermati.

"Ci siamo – spiega Nicola Lodi, esponente della Lega ferrarese – trovati faccia a faccia con 100 nigeriani. Non è stato facile, ci hanno accerchiato e minacciato. Ci hanno detto che se il ragazzo è morto faremo una brutta fine".

"Roba da matti. Grazie alle Forze dell'Ordine. Sarò presto in città per mettere un po' di cose a posto", ha commentato il ministro degli Interni Matteo Salvini.

Guarda anche 

La Germania ha speso la cifra record di 23 miliardi per i rifugiati nel 2018

La Germania ha speso 23 miliardi di euro l'anno scorso per cercare di integrare oltre un milione di rifugiati e combattere le cause delle migrazioni all'estero, r...
23.05.2019
Mondo

Suora decapitata e mutilata in Centrafrica. “Uccisa per un rito tribale”

Una suora appartente a una piccola comunità religiosa attiva in Africa è stata trovata morta decapitata lunedì mattina, nel villaggio di Nola, vicino...
23.05.2019
Mondo

Una controllore girava film porno sul treno, licenziata

Una dipendente delle ferrovie tedesche, la Deutsche Bahn (DB), è stata licenziata con effetto immediato per aver girato dei filmati pornografici in carrozze vuote ...
23.05.2019
Mondo

Una palla di fuoco caduta dal cielo illumina l'Australia meridionale (VIDEO)

Gli abitanti degli stati dell'Australia Meridionale e del Victoria hanno assistito a un fenomeno impressionante martedì notte. Video pubblicati sui social n...
23.05.2019
Mondo