Mondo, 15 febbraio 2019

Uccisa perché non voleva sposare l'uomo deciso dalla sua famiglia. Ma nessuno pagherà!

In Pakistan è andato in scena il processo contro il padre, lo zio e il fratello di Sana Cheema.

La ragazza aveva 25 anni, viveva in provincia di Brescia a e i parenti la costrinsero a lasciare casa per tornare in patria e sposarsi con l’uomo che le avevano destinato. Lei rifiutò e fu trovata morta pochi giorni dopo.

Se tutti parlarono di cause naturali, si scoprì poi che era stata
strangolata.

Da chi? Ilpadre di Sana, Ghulam Mustafa Cheema, lo zio Mazhar Cheema e il fratello Adnan confessarono di averla uccisa perché aveva disonorato la famiglia. In seguito ritrattarono.

Ebbene, il giudice ha ordinato il loro rilascio perché non vi sono prove sufficienti per dire che Sana è stata davvero uccisa.

La giovane voleva convolare a nozze col fidanzato, un italiano. 

Guarda anche 

Migliaia di giovani in piazza contro la censura di Internet imposta dall'UE

Da diverse settimane molte città europee, in particolare in Germania, sono teatro di manifestazioni di giovani (e meno giovani) contrari alla legge sul copyright a...
23.03.2019
Mondo

Si dicono favorevoli ad accogliere un migrante, ma quando gliene viene messo uno davanti si rifiutano

Curioso e simpatico esperimento quello ideato dall'emittente svedese Samnytt TV. In un reportage intitolato "Le persone vogliono davvero ospitare immigrati a cas...
23.03.2019
Mondo

"Ho agito perché sentivo le voci dei bambini morti in mare"

Ousseynou Sy, l'autista che ha dirottato lo scuolabus con a bordo 51 ragazzini, potrebbe colpire ancora. È quanto hanno deciso i pm milanesi, i quali...
23.03.2019
Mondo

Facebook, password non sicure: 600 milioni di account a rischio

Facebook ha ammesso che per anni ha conservato le password di milioni di utenti senza criptarle, conservandole in un documento di testo accessibile a migliaia di dipenden...
23.03.2019
Mondo
x