Mondo, 15 febbraio 2019

Uccisa perché non voleva sposare l'uomo deciso dalla sua famiglia. Ma nessuno pagherà!

In Pakistan è andato in scena il processo contro il padre, lo zio e il fratello di Sana Cheema.

La ragazza aveva 25 anni, viveva in provincia di Brescia a e i parenti la costrinsero a lasciare casa per tornare in patria e sposarsi con l’uomo che le avevano destinato. Lei rifiutò e fu trovata morta pochi giorni dopo.

Se tutti parlarono di cause naturali, si scoprì poi che era stata strangolata.

Da chi? Ilpadre di Sana, Ghulam Mustafa Cheema, lo zio Mazhar Cheema e il fratello Adnan confessarono di averla uccisa perché aveva disonorato la famiglia. In seguito ritrattarono.

Ebbene, il giudice ha ordinato il loro rilascio perché non vi sono prove sufficienti per dire che Sana è stata davvero uccisa.

La giovane voleva convolare a nozze col fidanzato, un italiano. 

Guarda anche 

La Germania ha speso la cifra record di 23 miliardi per i rifugiati nel 2018

La Germania ha speso 23 miliardi di euro l'anno scorso per cercare di integrare oltre un milione di rifugiati e combattere le cause delle migrazioni all'estero, r...
23.05.2019
Mondo

Suora decapitata e mutilata in Centrafrica. “Uccisa per un rito tribale”

Una suora appartente a una piccola comunità religiosa attiva in Africa è stata trovata morta decapitata lunedì mattina, nel villaggio di Nola, vicino...
23.05.2019
Mondo

Una controllore girava film porno sul treno, licenziata

Una dipendente delle ferrovie tedesche, la Deutsche Bahn (DB), è stata licenziata con effetto immediato per aver girato dei filmati pornografici in carrozze vuote ...
23.05.2019
Mondo

Una palla di fuoco caduta dal cielo illumina l'Australia meridionale (VIDEO)

Gli abitanti degli stati dell'Australia Meridionale e del Victoria hanno assistito a un fenomeno impressionante martedì notte. Video pubblicati sui social n...
23.05.2019
Mondo