Svizzera, 14 febbraio 2019

La Svizzera potrebbe presto finanziare un sistema militare francese

Il nuovo capo del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), Jean-Philippe Gaudin (a sinistra nella foto), vorrebbe che la Svizzera partecipasse a un programma militare francese. Si tratta di una partecipazione al programma "Optical Space Component" (OSC), un sistema di sorveglianza francese il cui finanziamento permetterebbe alla Svizzera di sfruttarne in parte le capacità.

Come spiega il “Tages-Anzeiger” in un articolo pubblicato giovedì, il capo della SIC aveva presentato il suo progetto all'allora direttore del Dipartimento federale della difesa e dello sport (DDPS) Guy Parmelin nel 2018.

Gaudin aveva proposto di partecipare al 2% del costo del CSO, ciò che garantirebbe al SIC 15 foto ad alta risoluzione al giorno. Costo dell'operazione: 56 milioni di euro (63 milioni di franchi) a cui vanno aggiunti costi operativi annuali di 1,3 milioni di euro.

I servizi svizzeri dovrebbero anche essere dotati di apparecchiature informatiche compatibili per un importo di 4,5 milioni di franchi. Il costo totale calcolato dal DDPS ammonterebbe a 84 milioni di euro per i prossimi dieci anni.

Il progetto, tuttavia, ha dovuto affrontare problemi legali che hanno ritardato qualsiasi risposta ufficiale. La direzione del diritto internazionale del Dipartimento degli affari esteri (DFAE) è preoccupata per le conseguenze della partecipazione al programma per la neutralità svizzera. Considerazioni che hanno fatto tentennare il DDPS.

La posizione della direzione di diritto internazionale alla fine di agosto 2018 sosteneva che la Svizzera può impegnarsi in un programma di cooperazione militare, ma solo a determinate condizioni. Mentre l'acquisizione di satelliti non è un problema, lo stesso non vale per pagamenti regolari, come sarebbe in questo caso. Questi diventerebbero problematici nel caso in cui Francia agisce in un contesto di guerra o al di fuori del quadro di un mandato delle Nazioni Unite.

"La considerevole partecipazione finanziaria in un sistema militare francese potrebbe essere percepita dalla comunità internazionale come inconciliabile con lo status di neutralità permanente della Svizzera", sostiene Corinne Cicero Bühler, direttrice della Direzione del diritto internazionale in seno al DFAE . Secondo Cicero Bühler tale finanziamento potrebbe avere "conseguenze dirette per la sicurezza e l'indipendenza della Svizzera".

La direttrice propone piuttosto di finanziare il programma con un pagamento unico di 56 milioni di euro in dieci annualità di 5,6 milioni di euro. "Più piccoli sono i contributi della Svizzera alla CSO, meno sono percepiti dalla comunità internazionale come un supporto sostanziale a un sistema militare francese", afferma.

La patata bollente è ora nelle mani di Viola Amherd, che ha assunto le redini del DDPS al posto di Guy Parmelin. I suoi servizi sottolineano che "finora nessuna decisione è stata presa a favore di qualunque partecipazione" e che "la partecipazione a tali programmi deve essere approvata dal Parlamento", parlamento che, secondo il “Tages Anzeiger”, sarà estremamente sensibile alla questione della neutralità svizzera.

Guarda anche 

La polizia svizzera chiede sempre più informazioni a Google

L'anno scorso l'Ufficio federale di polizia (fedpol) e i Cantoni hanno chiesto a Google un numero record di informazioni sugli utenti dell'azienda californian...
12.07.2020
Svizzera

La Svizzera perde il mandato di segretario generale all'OCSE

Lo svizzero Thomas Greminger non sarà riconfermato nella posizione segretario generale dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE)....
11.07.2020
Svizzera

Valutazione immobiliare: valore di mercato e valore di credito ipotecario, sai di cosa si tratta?

I valutatori immobiliari di Brülhart & Partners SA tengono a chiarire il concetto di “valore di mercato” e di “valore di credito ipotecario&rdq...
06.07.2020
Ticino

La Svizzera condannata dalla CEDU per il suicidio di un detenuto

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha accolto il ricorso di una madre il cui figlio si era suicidato nel 2014 nella sua cella di Urdorf, nel canton Zurigo....
02.07.2020
Svizzera