Mondo, 09 febbraio 2019

A Vienna sempre più donne europee indossano il velo islamico per evitare di essere molestate da musulmani

Marcus Franz, medico ed ex deputato del Partito popolare austriaco OVP ha suscitato sdegno sui social media dopo aver affermato che le ragazze europee a Vienna hanno iniziato a indossare il velo islamico per evitare di essere molestate da immigrati musulmani.



Ospite la scorsa settimana dell'emittente austriaca OE24 Franz ha dichiarato: "Parlo con le donne per strada, parlo con i bambini, parlo con le ragazze giovani. Conosco padri di famiglia che vivono in aree particolarmente problematich che danno alle loro figlie il velo perché non vengano riconosciute come austriache. Lo so personalmente, nel 15 ° distretto [di Vienna], questo è un dato di fatto".

Il dottore e l'ex deputato ha proseguito dicendo che le donne austriache hanno paura a causa di "micro-aggressioni permanenti" e subiscono costantemente proposte a carattere sessuale da uomini musulmani per le strade di Vienna. Il fenonemo sarebbe particolarmente comune nei distretti in cui vivono molti immigrati.

Franz ha aggiunto che le ragazze europee che non indossano il velo islamico subiscono di continuo "proposte spiacevoli, molestie e aggressioni e le ragazze e le donne, semplicemente, hanno paura".
"Lo si può vedere nella popolazione se lavori in una professione sociale come la mia", ha osservato Franz, aggiungendo: "Dobbiamo distinguere chiaramente tra la popolazione stabilitasi in Austria da tempo e coloro che sono arrivati ​​più recentemente".

Non sarebbe la prima volta che donne europee sono costrette ad indossare il velo islamico per evitare molestie e attenzioni non richieste da parte di musulmani.

Nel marzo dello scorso anno, un certo numero di agenzie di stampa riferirono che il preside della scuola di Francoforte, in Germania, consigliò a una madre la cui figlia era stata vittima di bullismo aggressivo da parte di studenti musulmani, di indossare il velo in modo che non fosse riconosciuta come tedesca e cristiana.

"Tua figlia non deve dire che è tedesca. Inoltre, puoi darle un velo!" le avrebbe detto il preside. Alla fine la madre, come riferiva a suo tempo il giornale Bild, decise di ritirare la figlia dall'istituto.

Guarda anche 

Confermato carcere e espulsione per un imam di Wintherthur

Il Tribunale federale ha respinto l'appello di un imam somalo della moschea An'Nur di Winterthur (ZH). L'uomo era stato condannato per  per istigazione a...
19.07.2019
Svizzera

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

Svezia ormai troppo pericolosa e la Volvo pensa di andarsene, "non riusciamo a attirare manodopera straniera"

L'amministratore delegato di Volvo avverte che la società sta pensando di trasferire il suo quartier generale fuori dalla Svezia in futuro, in parte a causa di...
15.07.2019
Mondo

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera